il Mulino

BLACK WEEK: FINO AL 25 NOVEMBRE
-5% E CONSEGNA GRATUITA SU TUTTO IL CATALOGO, NOVITA' COMPRESE

Copertina La Sanseverino

Acquista:

a stampa € 24,00
e-book € 16,99
Formato:  Kindle , ePub
collana "Biblioteca storica"
pp. 216, Rilegato, 978-88-15-29063-2
anno di pubblicazione 2020
Con illustrazioni, edizione rilegata

GIGLIOLA FRAGNITO

La Sanseverino

Giochi erotici e congiure nell'Italia della Controriforma

Barbara Sanseverino Sanvitale, contessa di Sala, signora di Colorno (1550-1612), fu per bellezza e spirito fra le donne più ammirate del suo tempo. «Donna, per cui Amor trionfa e regna», come la celebrò Torquato Tasso, fu cantata dai poeti e ricercata dalle corti dove era «il condimento di ogni passatempo» grazie alla sua inclinazione al divertimento. Fu organizzatrice instancabile di feste che sconfinavano spesso in incontri licenziosi, da lei stessa favoriti. In pari tempo fu lungamente impegnata in complesse controversie soprattutto circa l’amato feudo di Colorno, per il quale si scontrò con l’ambizione di incamerarlo del duca di Parma Ranuccio Farnese. Nel 1612 finì per rimanere implicata in una congiura di altri nobili parmensi avversi alle mire del duca, e come loro arrestata, processata e infine giustiziata.

Gigliola Fragnito ha insegnato Storia moderna nell’Università di Parma. Con il Mulino ha pubblicato anche «La Bibbia al rogo. La censura ecclesiastica e i volgarizzamenti della Scrittura» (1997, nuova ed. 2015), «Proibito capire. La Chiesa e il volgare nella prima età moderna» (2005), «Cinquecento italiano. Religione, cultura e potere dal Rinascimento alla Controriforma» (2012), «Storia di Clelia Farnese. Amori, potere, violenza nella Roma della Controriforma» (2013, nuova ed. 2016), «Rinascimento perduto. La letteratura italiana sotto gli occhi dei censori» (2019).

Introduzione. Barbara Sanseverino e la Sanseverina della Chartreuse de Parme di Stendhal
I. Uomo di «esemplare santità antica». Il matrimonio con Giberto Sanvitale
II. «’l tempo invidioso traditore ci ha guasto il giuoco». Il soggiorno romano
III. «Padrona e cagione delle spese e dei disagi di tutti». Il carnevale di Ferrara
IV. «Non facciamo altro che ballare e giorno e notte». La vita a Colorno
V. «Astringa mia moglie a coabitare meco». La separazione da Giberto
VI. «Non giova esser donne, né dame hoggidì». Il governo di Colorno
VII. «Perdere Colorno, la vita e l’anima insieme». La Sanseverino sconfitta
VIII. «Non ne so niente, nientissimo». La congiura e il processo
Note
Tavole genealogiche
Indice dei nomi

Leggi anche

copertina Andare per le vie militari romane
copertina Etica del dialogo
copertina Andare per università
copertina Salviamo il capitalismo da se stesso