Copertina Stato e Chiesa in Irlanda

Acquista:

a stampa € 55,00
collana "Fuori collana"
pp. 776, Brossura, 978-88-15-38385-3
anno di pubblicazione 2023

TIZIANO RIMOLDI

Stato e Chiesa in Irlanda

1914-2014

Il movimento indipendentista irlandese che ha portato alla nascita dell’Éire ha promosso un’identità nazionale fortemente contraddistinta dall’appartenenza religiosa, più che da altri elementi identitari culturali o politici. In questo volume Tiziano Rimoldi ricostruisce un secolo di rapporti tra Stato e Chiesa in Irlanda, a partire dalla Home Rule del 1914. Una storia indagata a partire dagli snodi politici e giuridici in cui questa caratterizzazione identitaria ha fatto sentire in maniera significativa la sua influenza: la Costituzione dell’Irish Free State del 1922 e il governo del moderato Cosgrave, la Costituzione del 1937, voluta dal repubblicano de Valera, la proclamazione della Repubblica nel 1948, le vicende del secondo dopoguerra, con i referendum che negli ultimi lustri hanno cambiato il volto dell’Irlanda. Il tutto alla luce della legislazione, della giurisprudenza e della prassi di governo nelle materie «miste» (matrimonio, divorzio, istruzione ecc.) e in quelle moralmente «sensibili» (contraccezione, aborto ecc.).

Tiziano Rimoldi insegna Diritto ecclesiastico all’Istituto avventista di Firenze ed è docente a contratto di Diritto e religioni all’Università degli Studi di Firenze. È autore di «Con ordine e dignità. Origini e sviluppo della struttura della Chiesa Avventista del 7° Giorno» (ADV, 2006).

Abbreviazioni
Glossario
Prefazione
Introduzione
Prologo
I. La vigilia della Partizione (1914-1919)
1. La Home Rule
1.1. Il Government of Ireland Act, 1914
1.2. La Easter Rising
2. L’Irish Republic
2.1. ll First Dáil
2.2. Influenze eterogenee
2.3. Il First Dáil e l’istruzione
3. Il sistema educativo e assistenziale
3.1. L’istruzione primaria
3.2. L’istruzione secondaria
3.3. L’università
3.4. L’istruzione tecnica
3.5. Tentativi di riforma
3.6. L’istruzione irlandese alla vigilia della Partizione
3.7. Il sistema assistenziale e sanitario
II. La fondazione dell’Irish Free State (1920-1922)
1. Dalla Home Rule alla Costituzione dell’Irish Free State
1.1. Il Government of Ireland Act, 1920 e il Second Dáil
1.2. Le confessioni religiose e il Trattato
1.3. Il Third Dáil
1.4. La Costituzione dell’Irish Free State
2. La religione nella Costituzione dell’Irish Free State
2.1. Il preambolo e il dettato costituzionale
2.2. Religione, istruzione, università
2.3. Corporativismo à l’irlandaise
III. La leadership di William T. Cosgrave (1923-1932)
1. La costruzione dello Stato
1.1. Cosgrave, la gerarchia e la Santa Sede
1.2. L’Irish Free State e la protezione del codice morale cattolico
1.3. Le donne nell’Irish Free State
1.4. Lo stabilimento di relazioni diplomatiche con la Santa Sede
1.5. Il Cumann na nGaedheal e l’educazione
1.6. Il Fianna Fáil all’opposizione
1.7. Il lascito di Cosgrave
IV. Éamon de Valera e l’Irish Free State (1932-1936)
1. I primi anni
1.1. Gli anti-Trattato al potere
1.2. Il Fianna Fáil, la gerarchia e la Santa Sede
1.3. De Valera e l’educazione
1.4. Nuovi suonatori, vecchia musica
2. Verso una nuova Costituzione
2.1. La preparazione
2.2. L’influenza ecclesiastica
2.3. Il preambolo e l’articolo sulla religione
2.4. La discussione nel Dáil e il plebiscito
2.5. La nuova Costituzione e le donne
V. La Costituzione dell’Éire e la religione
1. Una certa idea d’Irlanda
1.1. Una Costituzione-manifesto
1.2. Contraddizioni interne
1.3. Una nazione gaelico-cattolica
2. I riferimenti alla divinità, al cristianesimo e al cattolicesimo
2.1. Il preambolo, il governo e la nazione, l’invocazione finale
2.2. Il giuramento
2.3. La blasfemia
3. I diritti fondamentali
3.1. La fonte dei diritti fondamentali
3.2. I diritti personali
3.3. La famiglia
3.4. L’educazione
3.5. La proprietà privata
4. La religione nell’art. 44
4.1. Continuità, discontinuità e sintesi
4.2. Il culto pubblico, le confessioni religiose
4.3. La libertà di religione
5. Una società giusta e caritatevole
5.1. «Tracce» di corporativismo
5.2. Il Seanad Éireannn
5.3. Principi direttivi della politica sociale
VI. Il trionfo del cattolicesimo integrale (1938-1959)
1. I primi passi dell’Éire (1938-1948)
1.1. La Commission on Vocational Organisation
1.2. La persecuzione degli ebrei e l’«Emergenza»
1.3. Irlanda e Santa Sede durante la Seconda guerra mondiale e nel dopoguerra
1.4. Una nazione cattolica
1.5. I protestanti e de Valera
1.6. Il problema delle adozioni e l’Health Act, 1947
1.7. L’educazione negli anni ’40
2. L’Inter-Party Government (1948-1951)
2.1. L’Inter-Party Government, la Santa Sede, le relazioni internazionali
2.2. La proclamazione della Repubblica
2.3. La nomina del nuovo nunzio e l’Anno Santo del 1950
2.4. L’Inter-Party Government e la politica sociale
2.5. Il Mother and Child Scheme
3. I rapporti Chiesa-Stato e la religione nelle sentenze di George Gavan Duffy
3.1. Lo stare decisis e la nuova Costituzione
3.2. The State (Burke) v Lennon [1940]
3.3. Schlegel v Corcoran and Gross [1942]
3.4. Maguire v Attorney General and Maguire [1943]
3.5. Cook v Carroll [1945]
3.6. Burke v Burke [1951]
3.7. In Re Tilson [1951]
4. Il tramonto di un’era (1951-1959)
4.1. La politica sociale del Fianna Fáil (1951-1954)
4.2. Il Second Inter-Party Government (1954-1957)
4.3. La gerarchia
4.4. Il boicottaggio di Fethard-on-Sea
4.5. L’educazione negli anni ’50
VII. L’avvicinamento all’Europa (1959-1979)
1. Gli anni ’60
1.1. Seán Lemass, un leader per un nuovo tempo (1959-1966)
1.2. Il panorama religioso
1.3. Il Committee on the Constitution
1.4. L’educazione negli anni ’60
1.5. I protestanti, il diritto canonico matrimoniale e i Troubles
2. Gli anni ’70
2.1. L’ombra della guerra civile
2.2. Towards a New Ireland
2.3. L’abrogazione dell’art. 44.1.2°-3°
2.4. La contraccezione
2.5. Le adozioni
2.6. Una società in cambiamento
2.7. L’educazione negli anni ’70
2.8. FitzGerald e la diplomazia vaticana
2.9. Giovanni Paolo II in Irlanda
3. I rapporti Chiesa-Stato e la religione nelle sentenze degli anni ’60 e ’70
3.1. Ryan v Attorney General [1965]
3.2. Quinn’s Supermarket Ltd v Attorney General [1972]
3.3. McGee v Attorney General [1974]
3.4. M. v An Bord Uchtála [1975]
3.5. Mulloy v Minister for Education [1975]
3.6. McGrath and O’Ruairc v Trustees of Maynooth College [1979]
VIII. Chiesa e Stato in Irlanda alle soglie del nuovo millennio (1980-2000)
1. La Constitutional Crusade di Garret FitzGerald
1.1. Un liberal al governo
1.2. Il referendum sull’aborto del 1983
1.3. Il New Ireland Forum
1.4. Norris v Attorney General [1984]
1.5. Il governo Fine Gael-Labour e Casaroli
1.6. Il referendum sul divorzio del 1986
2. I referendum del 1992-1995
2.1. Society for the Protection of Unborn Children v Open Door [1988] e Society for the Protection of Unborn Children v Grogan [1989]
2.2. Attorney General v X [1992]
2.3. Il Trattato di Maastricht e l’aborto
2.4. I referendum sull’aborto del 1992
2.5. Dopo i referendum
2.6. La depenalizzazione dell’omosessualità
2.7. Il referendum sul divorzio del 1995
2.8. Campaign to Separate Church and State Ltd v Minister for Education [1998]
3. Il Constitution Review Group
3.1. Introduzione
3.2. Il Preambolo e la legittimazione del potere
3.3. Il giuramento
3.4. Il Seanad
3.5. La fonte dei diritti fondamentali
3.6. L’aborto
3.7. La blasfemia
3.8. La famiglia
3.9. Il ruolo della donna
3.10. L’educazione
3.11. La libertà religiosa: l’art. 44.1
3.12. La libertà religiosa: l’art. 44.2.1°
3.13. La libertà religiosa: l’art. 44.2.2°
3.14. La libertà religiosa: l’art. 44.2.3°
3.15. La libertà religiosa: l’art. 44.2.4°
3.16. La libertà religiosa: l’art. 44.2.5°
3.17. La libertà religiosa: l’art. 44.2.6°
3.18. I principi direttivi della politica sociale
4. Un anno importante
4.1. Il Good Friday Agreement del 1998
4.2. Riforme nel mondo della scuola
IX. Una relazione in crisi (2001-2014)
1. L’aborto e l’Europa
1.1. Il referendum sull’aborto del 2001
1.2. Il Trattato di Lisbona e l’aborto
2. Una presa di coscienza lenta e dolorosa
2.1. I riformatori e le Industrial School
2.2. La punta dell’iceberg
2.3. Lo tsunami
2.4. La Commission to Inquire into Childhood Abuse e il Residential Institutions Redress Board
2.5. Il Secret Deal
2.6. Il Ryan Report (2009)
2.7. Il gulag irlandese
3. Altre inchieste
3.1. Il Ferns Report (2005)
3.2. Il Murphy Report (2009)
3.3. Il Cloyne Report (2010)
4. La reazione della Santa Sede
4.1. Roma scende in campo
4.2. La crisi con la Santa Sede
4.3. La chiusura dell’ambasciata irlandese presso la Santa Sede e il congresso eucaristico
5. Nuovi svelamenti
5.1. Le Magdalen Laundries e il McAleese Report (2013)
5.2. Il Walsh Report (2014)
5.3. Mother and Baby Homes
6. Una questione aperta
6.1. Il caso A, B, and C v Ireland
6.2. La tragedia di Savita Halappanavar
6.3. Protection of Life During Pregnancy Act, 2013
7. Dalle unioni civili alla riapertura dell’ambasciata presso la Santa Sede
7.1. Le unioni civili
7.2. Un articolo della Costituzione a protezione dei bambini
7.3. Il tentativo di abolire il senato
7.4. La «fine di un periodo doloroso»
X. Stato e Chiesa in Irlanda, tra presente e futuro
1. Il presente
1.1. Una Chiesa indebolita
1.2. Il matrimonio omosessuale
1.3. L’aborto
1.4. La blasfemia
1.5. Il divorzio
1.6. Francesco e Varadkar
2. Le sfide del futuro
2.1. Un nuovo sistema di relazioni tra Stato e Chiesa
2.2. La scuola
2.3. Il sistema sanitario
Bibliografia
Giurisprudenza
Sitografia

Leggi anche

copertina Perché ridiamo
copertina Quando l'importante è vincere
copertina Dodici
copertina Vite formidabili