FONDAZIONE LEONE MORESSA

Rapporto annuale sull'economia dell'immigrazione. 2020

Dieci anni di economia dell'immigrazione

Già dieci anni fa molti analisti consideravano l’immigrazione una componente strutturale della società e dell’economia italiana ed europea. Era tuttavia difficile prevedere il peso che avrebbero avuto i fenomeni migratori all’interno del dibattito pubblico. In pochi anni la popolazione straniera residente è passata da poco più di 3 milioni a oltre 5 milioni, con evidenti ricadute sociali ed economiche. Nel decennio 2010-2019 la drastica riduzione dei permessi di soggiorno per motivi di lavoro (-96%) e l’aumento esponenziale degli sbarchi di migranti nel Mediterraneo hanno spostato l’attenzione dell’opinione pubblica e dei media sulle tematiche dell’accoglienza, ponendo in secondo piano le politiche migratorie vere e proprie (canali di ingresso legali) e le politiche di integrazione degli stranieri già presenti in Italia. In questi ultimi mesi, poi, la chiusura delle frontiere causata dall’emergenza sanitaria ha messo in ginocchio molti settori caratterizzati da una forte presenza di lavoratori stagionali, come il turismo e l’agricoltura. Ma l’intera economia italiana, in cui un occupato su dieci è straniero, sarà messa a dura prova. L’integrazione degli immigrati, quanto mai necessaria per la ripresa, sarà una delle sfide che il nostro Paese dovrà gestire nei prossimi anni.

La Fondazione Leone Moressa, nata da un’iniziativa della Associazione Artigiani e Piccole Imprese di Mestre CGIA, realizza e diffonde studi statistici sull’economia dell’immigrazione in Italia, con l’obiettivo di fornire strumenti utili a individuare percorsi d’integrazione economica e sociale. Collabora con le principali istituzioni nazionali e internazionali del settore e dal 2011 pubblica con Il Mulino il «Rapporto annuale sull’economia dell’immigrazione».

Prefazione, di Tito Boeri
Presentazione. Dieci anni di economia dell’immigrazione
1. Dinamiche demografiche
infografica riepilogativa
1.1. L’inverno demografico in Italia, di Antonio Golini
1.2. L’immigrazione in Europa
1.3. Tendenze demografiche e dinamiche in Italia negli ultimi dieci anni
1.4. I nuovi italiani: riflessioni sul tema della cittadinanza
1.5. L’immigrazione al femminile
1.6. I giovani italiani. Quanto è lontana l’Europa?
1.7. Le politiche migratorie in Italia, di Francesco Della Puppa
2. L’impatto economico
infografica riepilogativa
2.1. Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia, di Tatiana Esposito
2.2. Gli occupati stranieri in Italia
2.3. Il PIL dell’immigrazione. La ricchezza prodotta dagli immigrati in Italia
2.4. Gli imprenditori immigrati in Italia
2.5. Iniziative e misure a supporto dell’imprenditoria immigrata, di Giacomo Solano
2.6. Piccole imprese, dalle trasformazioni di un decennio alle sfide di un futuro incerto, di Cesare Fumagalli
3. L’impatto fiscale
infografica riepilogativa
3.1. Il bilancio pubblico e l’immigrazione: elementi di metodo, di Fortunato Lambiase ed Elena Masi
3.2. I redditi dichiarati e le imposte versate dai contribuenti stranieri
3.3. L’impatto fiscale dell’immigrazione in Italia
3.4. I contributi previdenziali versati dai lavoratori immigrati
3.5. L’impatto della regolarizzazione degli immigrati irregolari
4. Dinamiche internazionali
infografica riepilogativa
4.1. La dimensione internazionale delle migrazioni, di Laurence Hart
4.2. Nuovi movimenti migratori in Europa
4.3. Le rimesse degli immigrati dall’Italia
4.4. Il Fondo per l’Africa: l’impegno italiano verso i paesi di origine e transito dei movimenti migratori, di Luigi Maria Vignali
4.5. Migrazione e sviluppo. L’approccio dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo e l’impegno per il coinvolgimento delle diaspore, di Mirko Tricoli e Francesco De Rosa
Riferimenti bibliografici
Gli autori

Acquista:

a stampa € 20,00
e-book € 14,99
Formato:  Kindle , ePub
collana "Rapporto annuale sull'economia dell'immigrazione"
pp. 208, 978-88-15-29081-6
anno di pubblicazione 2020

Leggi anche

copertina Le sette parole di Cristo
copertina Hereford
copertina Cassa Depositi e Prestiti
copertina Brexit