Copertina Violenza e politica

Acquista:

a stampa € 28,00
collana "Società e politica nel mondo globale. Collana del Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell'Università di Firenze"
pp. 384, Brossura, 978-88-15-28561-4
anno di pubblicazione 2020

FEDERICO TOMASELLO (a cura di)

Violenza e politica

Dopo il Novecento

Il fenomeno della violenza è un fattore di particolare rilievo nell’esperienza umana, una costante storico-sociale le cui forme e i cui nomi sono soggetti a continui mutamenti. Anche per questo, la sua interpretazione – il modo in cui la violenza accade e viene nominata, definita, rappresentata – incarna una sfida complessa e sempre aperta per le scienze sociali e per quelle umane. Una sfida che diviene tanto più attuale dal momento che, rispetto agli ultimi decenni del secolo scorso, pare possibile inscrivere uno dei tratti salienti della nostra epoca in una rinnovata presenza della violenza nello scenario politico-sociale e nelle rappresentazioni del mondo contemporaneo. Questo volume presenta un dialogo programmaticamente interdisciplinare sul mutevole pluriverso della violenza, su alcune delle sue fattispecie più rilevanti, dei suoi significati più attuali, e sulle trasformazioni del suo rapporto con la politica innescate dalla fine del Secolo breve. Lo spettro delle fattispecie osservate spazia così dal genocidio alla tortura, dalla guerra al terrorismo, dalla violenza simbolica a quella rivoluzionaria, dalla criminalità organizzata alla violenza strutturale, dalle forme della coercizione sovrana alla violenza di genere fino al controllo delle migrazioni.

Federico Tomasello è research associate nel Robert Schuman Centre for Advanced Studies dell’European University Institute di Fiesole e assegnista nell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Fra le sue pubblicazioni, «La violenza. Saggio sulle frontiere del politico» (2015), «La questione francese. Marx e la critica della politica» (2018), «L’inizio del lavoro. Teoria politica e questione sociale nella Francia di primo Ottocento» (2018), «L’ordine della città. Violenza e spazio urbano» (2020).

Introduzione: nomi e forme della violenza politica dopo la fine del secolo breve, di Federico Tomasello
Parte prima: Violenza e politica: definizioni e relazioni
Lo Stato tra violenza e diritto: una parabola moderna, di Pietro Costa
Potere e violenza. Una coppia enigmatica, di Pier Paolo Portinaro
Potere, coercizione e violenza punitiva, di Adriano Zamperini
Parte seconda: Su alcune forme della violenza politica
Violenza genocidaria. Una prospettiva storica sul Novecento, di Simone Neri Serneri
La notte della talpa. La violenza rivoluzionaria come politica della volontà e dell’emancipazione, di Gianluca Bonaiuti
Pensare il potere senza la legge e senza il re. La teoria bourdieusiana della violenza simbolica, di Gabriella Paolucci
Violenza e strutture sociali nel capitalismo crepuscolare, di Roberto Fineschi
Parte terza: Il terrorismo nella guerra, la guerra del terrorismo
Terrorismo, radicalismo politico e guerra asimmetrica, di Alessandro Colombo
Overkill: l’arma nucleare e la violenza incommensurabile, di Matteo Gerlini
Logiche del terrore: la «radicalizzazione» come processo ideologico e come fenomeno sociale, di Federico Tomasello
Parte quarta: Violenza, spazi e governo delle popolazioni
Migrazioni, controllo dei confini e violenza politica, di Enrico Diciotti
Genere e violenza, di Franca Balsamo
Mafie, violenza e forme di capitale, di Rocco Sciarrone
Fendere, difendere e offendere. Sui confini inquieti della violazione politica nell’India antica, di Federico Squarcini
Riferimenti bibliografici

Leggi anche

copertina Perché ridiamo
copertina Quando l'importante è vincere
copertina Dodici
copertina Vite formidabili