il Mulino

-30% sui nuovi abbonamenti
con il codice RIVISTA30 fino al 31 gennaio

Copertina Gli archivi di persona nell'era digitale

Acquista:

a stampa € 16,00
collana "Percorsi"
pp. 160, Brossura, 978-88-15-26480-0
anno di pubblicazione 2016

STEFANO ALLEGREZZA, LUCA GORGOLINI (a cura di)

Gli archivi di persona nell'era digitale

Il caso dell'archivio di Massimo Vannucci

Il volume descrive il primo caso italiano di intervento d’inventariazione e riordinamento su un archivio «ibrido», con documenti sia cartacei che digitali: quello di Massimo Vannucci (1957-2012), politico e imprenditore, deputato Ds dal 2006 al 2008 e successivamente riconfermato nelle liste del Pd. La documentazione risale prevalentemente al periodo compreso fra il 2005 e il 2012, quindi all’epoca dell’attività politica di Vannucci, ed è proprio la natura ibrida dei materiali a determinare l’originalità dell’intervento. E-mail archiviate sia nel client di posta che sulla webmail e altri documenti rinvenuti nel computer si aggiungono alla documentazione cartacea, costituendo a tutti gli effetti un archivio digitale di persona. Oltre a illustrare l’intervento svolto, il libro si pone l’obiettivo di aprire una riflessione sulle questioni connesse al riordino e alla conservazione degli archivi digitali di persona: tematiche di importanza fondamentale se si pensa che gli archivi, non soltanto di persona, diventeranno totalmente digitali nel giro di poco tempo, dato che i trend evolutivi degli ultimi anni hanno registrato una fortissima accelerazione in tale direzione. È urgente, quindi, aprirsi al confronto su queste tematiche e individuare soluzioni che permettano di conservare per il futuro gli archivi digitali che si stanno oggi formando.

Stefano Allegrezza insegna Archivistica e Archivistica speciale nel dipartimento di Storia e tutela dei beni culturali dell’Università di Udine, dove è delegato del Rettore per il settore degli Archivi digitali. La sua ricerca verte principalmente sulle tematiche relative alla gestione elettronica dei documenti, alla dematerializzazione e alla conservazione degli archivi digitali. Luca Gorgolini svolge la sua attività di ricerca all’interno del Dipartimento di Storia dell’Università di San Marino ed è docente a contratto di Storia contemporanea all’Università di Modena e Reggio Emilia. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo «L’Italia in movimento. Storia sociale degli anni Cinquanta» (Bruno Mondadori, 2013) e «I dannati dell’Asinara. L’odissea dei prigionieri austro-ungarici nella Prima guerra mondiale» (UTET, 2011, tradotto in tedesco e in serbo).

Prefazione, di Dario Franceschini
Premessa, di Alessia Morani
Nota introduttiva, di Stefano Allegrezza e Luca Gorgolini
Conoscere e salvaguardare gli archivi di persona, di Maria Palma
Le criticità nella conservazione degli archivi di persona tra passato, presente e futuro, di Stefano Allegrezza
La descrizione archivistica e la conversazione di archivi di persona analogici, informatici e ibridi tra standard e normativa, di Matteo Sisti
Riordino e inventariazione dell'archivio ibrido dell'on. Massimo Vannucci: illustrazione pratica del progetto, di Massimo Rossi
La ricerca storica nell'era digitale, di Luca Gorgolini
Archivi personali: la sfida del digitale. Una riflessione, di Mariella Guercio
Indice dei nomi

Leggi anche

copertina Sapere
copertina Bruto
copertina L'età del lume
copertina Il protocollo segreto