ANTONIO LA SPINA, GIANDOMENICO MAJONE

Lo Stato regolatore

Verso una nuova forma di stato: caratteristiche, inconvenienti e vantaggi delle inarrestabili "authorities".

Lo stato gestore di attività produttive, dispensatore di beni, ingegnere sociale è in crisi. Un settore pubblico troppo ingombrante viene oggi visto come un ostacolo per la competitività dei sistemi economici nazionali, mentre molti bisogni "post-industriali" e "post-materiali" (ambiente, salute, diritti del consumatore, riservatezza) non possono essere soddisfatti semplicemente erogando benefici a carico dell'erario pubblico. L'alternativa non è necessariamente il ritorno al liberismo selvaggio, ma può consistere in uno stato regolatore capace - attraverso le cosiddette "autorità indipendenti" - di guidare le attività dei privati garantendo al contempo benefici collettivi e interessi diffusi. Questo volume sgombra il campo da luoghi comuni e valutazioni frettolose, illustrando i punti di forza e di debolezza delle tecniche regolative, indicando possibili soluzioni al problema della legittimazione democratica e mostrando come stia faticosamente ma indubitabilmente emergendo uno stato regolatore europeo.

Antonio La Spina è docente di Istituzioni giuridiche e mutamento sociale presso la Facoltà di Scienze della formazione dell'Università di Palermo. E' responsabile del progetto finalizzato del Dipartimento della Funzione pubblica sull'analisi dell'impatto della regolamentazione. Tra le sue pubblicazioni: "La decisione legislativa" (Giuffrè, 1989), "Il Consiglio Nazionale delle Ricerche-Cnr. Struttura e funzioni" (con G. Corso, Il Mulino, 1994), "Il nodo gordiano. Criminalità mafiosa e sviluppo nel Mezzogiorno" (con M. Centorrino e G. Signorino, Laterza, 1999). Giandomenico Majone è stato professore di Public Policy presso l'Istituto Universitario Europeo di Firenze dal 1987 al 1995. Negli ultimi anni è stato Visiting Professor presso il Max Planck Institut di Colonia, il Nuffield College di Oxford, l'European Institute of Public Administration di Maastricht, il Center for West European Studies dell'Università di Pittsburgh. Attualmente è Centennial Professor presso la London School of Economics. Tra le sue pubblicazioni: "Evidence, Argument, and Persuasion in the Policy Process" (Yale University Press, 1989), "Deregulation or Re-regulation? Regulatory Reform in Europe and the United States" (Pinter, 1990), "Regulating Europe" (Routledge, 1996).

Introduzione
1. Dallo Stato gestore allo Stato regolatore
2. Istituzioni, tecniche e risultati della regolazione
3. Teorie della regolazione
4. Legittimazione e disegno istituzionale
5. La regolazione comunitaria
6. L'esperienza italiana
Conclusioni
Riferimenti bibliografici

Acquista:

non disponibile
collana "Saggi"
pp. 370, 978-88-15-07601-4
anno di pubblicazione 2000

Leggi anche

copertina Le imprese multi-utility
copertina Stato, nazione e democrazia in Europa
copertina Potere e società. Uno schema concettuale per la ricerca politica
copertina Politica in Italia. I fatti dell'anno e le interpretazioni. Edizione 2002