TOMMASO BARIS

Andreotti, una biografia politica

Dall'associazionismo cattolico al potere democristiano (1919-1969)

Sigle e abbreviazioni
Introduzione
PARTE PRIMA. UN DIRIGENTE CATTOLICO DAL FASCISMO ALLA SUA CADUTA (1919-1944)
I. La formazione di un dirigente cattolico
1. Le radici familiari: da Segni a Roma
2. L'infanzia e la formazione scolastica nel fascismo (1919-1937)
3. L'iscrizione alla Fuci: gli universitari cattolici nel regime fascista
4. L'impegno in «Azione fucina» (settembre 1939-febbraio 1942)
5. Dalla presidenza della Fuci alla crisi della dittatura (marzo 1942-giugno 1943)
Conclusioni
II. Dalla Fuci alla Dc: crisi del fascismo, Resistenza ed impegno politico (1943-1944)
1. Andreotti davanti alla caduta di Mussolini (luglio-settembre 1943)
2. Rino Camercanna: tra tentazioni radicali e richiami autorevoli
3. Nella Roma occupata tra Fuci e Dc (settembre 1943-marzo 1944)
4. Ricristianizzazione della società, formazione sociale dei cattolici ed impegno pubblico sino all'arrivo degli alleati (marzo-giugno 1944)
5. Dopo la Liberazione: la scelta della Dc (giugno-agosto 1944)
Conclusioni
PARTE SECONDA. CON DE GASPERI NELLA DC E AL GOVERNO (1944-1954)
III. Tra partito e governo (luglio 1944-maggio 1947)
1. L'allievo alla prova: delegato nazionale dei gruppi giovanili (giugno 1944-gennaio 1945)
2. Gli interventi sulla stampa: il ruolo della Dc nella politica italiana (febbraio-aprile 1945)
3. Lo scudiero fidato: a «Il Popolo» e nei giovani
4. Ancora nei gruppi giovanili: la battaglia per l'agnosticismo istituzionale
5. La voce di De Gasperi: dalla Costituente al viaggio negli Usa (giugno 1946-gennaio 1947)
6. La fine dei tripartito e l'arrivo al governo (gennaio-giugno 1947)
Conclusioni
IV. Il sottosegretario in azione: dal IV al VII governo De Gasperi (giugno 1947-luglio 1951)
1. Sottosegretario alla presidenza sino al 18 aprile 1948
2. Un sottosegretario molto presente: dal IV governo De Gasperi allo scontro con i dossettiani (maggio 1948-giugno 1949)
3. Un sottosegretario tuttofare: tra la riforma agraria, i gruppi giovanili Dc e il cinema italiano (luglio-dicembre 1949)
4. Nel VI governo De Gasperi: scontri, tregue e rotture nell'esecutivo e nella Dc (gennaio 1950-luglio 1951)
5. Una vittoria amara: dal consiglio nazionale di Grottaferrata al VII governo De Gasperi (giugno-luglio 1951)
Conclusioni
V. Un discepolo a volte lontano dal maestro: dal VII governo De Gasperi alla morta del leader trentino (agosto 1951-agosto 1954)
1. Nel VII governo De Gasperi: tra Trieste, Iniziativa democratica e l'«Operazione Sturzo» (agosto 1951-maggio 1952)
2. Verso le politiche: tra scontri interni e pressioni esterne (giugno 1952-maggio 1953)
3. Il voto del '53 e le sue conseguenze: da De Gasperi a Fanfani passando per Pella (giugno 1953-gennaio 1954)
4. Un discepolo distante dal maestro: per una Dc centrista (febbraio-aprile 1954)
5. Primavera e congresso di Napoli (maggio-giugno 1954)
Conclusioni
PARTE TERZA. ANDREOTTI SIMBOLO DEL POTERE DEMOCRISTIANO: TRA CORRENTI E MINISTERI (1954-1969)
VI. Dopo De Gasperi: Primavera, la conquista del Lazio e i primi incarichi ministeriali (1954-1958)
1. Nelle lotte di correnti dentro la Dc: dalla morte di De Gasperi all'elezione di Gronchi
2. Al governo: l'incarico di ministro delle Finanze
3. La costruzione del consenso a Roma e nel Lazio e il rilancio di Primavera (1954-1956)
4. Primavera a congresso: Andreotti a Trento nell'ottobre del 1956
5. Con Segni presidente del Consiglio (1957-1958)
6. L'alfiere del «progresso senza avventure»: da Zoli alle elezioni del '58
Conclusioni
VII. Tra Fanfani e Moro: scandali, lotte di corrente e nuovi impegni di governo sino al centro-sinistra (1958-1963)
1. Dal Tesoro alla Difesa (giugno 1958-gennaio 1959)
2. Contro Fanfani: da Milazzo alla Domus Mariae (febbraio 1959-marzo 1960)
3. Primavera a Firenze: tra Moro e Fanfani (marzo-ottobre 1959)
4. Dopo Firenze: da Segni a Tambroni (ottobre 1959-luglio 1960)
5. Di nuovo con Fanfani tra scandali, crisi internazionali e l'apertura ai socialisti (agosto 1960-novembre 1961)
6. L'accettazione del centro-sinistra: il congresso di Napoli, l'elezione di Segni, la rimozione degli Jupiter (dicembre 1961-marzo 1963)
Conclusioni
VIII. Un ministro per (quasi) tutte le stagioni: nella parabola del centro-sinistra (1963-1968)
1. Le elezioni politiche del 1963: calo di consensi e risposte
2. Tra Moro, Leone, Kennedy (maggio-dicembre 1963)
3. Un atteggiamento defilato: l'estate del «Piano Solo»
4. Per il rilancio della Dc: dal congresso di Roma al ritorno in direzione (settembre 1964-aprile 1966)
5. Nel II e III governo Moro (1964-1968)
6. Dal congresso di Milano alle elezioni politiche del 1968
Conclusioni
Conclusioni: L'eclissi (parziale) tra studenti e operai (maggio 1968-novembre 1969)
Note
Ringraziamenti
Indice dei nomi

Buy:

cover price € 28,00
book € 26,60
series "Fuori collana"
pp. 352, 978-88-15-29436-4
publication year 2021

See also

copertina Donne medievali
copertina Tucidide e il colpo di Stato
copertina Sophocles: Antigone’s Folly
copertina Paisà, sciuscià e segnorine