Copertina I partiti digitali

Acquista:

a stampa € 20,00
e-book € 13,99
Formato:  ePub , Kindle
collana "Contemporanea"
pp. 280, Brossura, 978-88-15-28634-5
anno di pubblicazione 2020

PAOLO GERBAUDO

I partiti digitali

L'organizzazione politica nell'era delle piattaforme

Movimento 5 Stelle, Podemos, France Insoumise e i partiti pirata propongono un nuovo modello di organizzazione politica e meccanismi democratici finalizzati a realizzare una partecipazione politica più autentica. Ma fino a che punto i partiti digitali hanno effettivamente mantenuto tali promesse? Di che natura è la democrazia che essi praticano? Ed è davvero migliore di quella dei partiti tradizionali?

La crescita esponenziale di persone e oggetti iperconnessi ha portato a una trasformazione profonda nell’organizzazione politica. È cambiato tutto: la nuova politica è segnata dall’emergere di partiti digitali – dal Movimento 5 Stelle, a Podemos, ai Pirati – che si sono rapidamente affermati rivoluzionando il modo in cui reclutano membri, prendono decisioni e mobilitano la propria base. Attraverso interviste con leader e attivisti, Gerbaudo dimostra che, oltre a guadagnare rapidamente consenso fino ad arrivare in certi casi al governo, queste formazioni hanno avuto il merito di innovare le pratiche organizzative dei partiti, coinvolgendo centinaia di migliaia di persone nelle loro attività in rete. Partecipativi ma plebiscitari, aperti e democratici ma dominati da iperleader carismatici, i partiti digitali portano con sé sia grandi potenzialità che seri rischi per la democrazia nell’era digitale.

Paolo Gerbaudo, sociologo ed esperto di comunicazione politica, è direttore del Centre for Digital Culture al King’s College di Londra. Autore di «The Mask and the Flag» (Hurst, 2017) e «Tweets and the Streets» (Pluto Press, 2012), è tra i fondatori dell’associazione Senso Comune per una nuova politica.

Presentazione, di Mauro Calise
Introduzione
I. Il partito al contrattacco
II. Il popolo del Web
III. Quando il partito imita Facebook
IV. Partecipazionismo
V. La scomparsa del quadro di partito
VI. Una democrazia programmata
VII. Plebiscitarismo 2.0
VIII. L’iperleader
IX. La superbase
Conclusioni
Appendice metodologica
Riferimenti bibliografici
Indice dei nomi

Leggi anche

copertina Il mestiere di giudice
copertina La politica pop online
copertina Sofocle, l'abisso di Edipo
copertina Diritto pubblico e diritto privato