MASSIMO AMMANITI

Noi

Perché due sono meglio di uno

Da sempre, nella vita individuale all’Ego si è intrecciato il We-go, il senso del noi

L’evoluzione umana è stata favorita, fin dall’alba dei tempi, dalla particolare capacità che hanno gli individui di interagire gli uni con gli altri, attraverso la risonanza emotiva e la comprensione della mente altrui. Una capacità che si riattiva ogni volta che nasce un bambino, nella relazione con i genitori, dapprima, e poi con i coetanei e con il gruppo sociale. Ma l’empatia è qualcosa di connaturato al cervello umano o è il frutto delle influenze dell’ambiente? O non dobbiamo parlare piuttosto di interazione fra genetica e ambiente?

Massimo Ammaniti, neuropsichiatra infantile e psicoanalista, tra i più autorevoli psichiatri italiani, è professore onorario della Sapienza - Università di Roma. Tra i suoi libri: «Nel nome del figlio» (Mondadori, 2003), «Pensare per due. Nella mente delle madri» (Laterza, 2009) e «La nascita dell’intersoggettività» (con V. Gallese, Cortina, 2014). Collabora a «Repubblica».

Introduzione
I. A che gioco giochiamo
II. L'ambiente familiare è contagioso?
III. Quando abbiamo iniziato a capirci?
IV. Quando il gruppo diventa indispensabile
V. Se la società genera disagio
VI. Se anche il cervello risuona con gli altri
Conclusioni
Note
Indice dei nomi

Acquista:

a stampa € 12,00
e-book € 8,49
Formato:  ePub , Kindle
collana "Intersezioni"
pp. 144, 978-88-15-25412-2
anno di pubblicazione 2015

Leggi anche

copertina Mentire
copertina Il narcisismo
copertina Vendere e comprare sesso
copertina Andare per la Sicilia dei Greci