CARLO M. CIPOLLA

Miasmi e umori

«La cagione di questi mali si pensa che sia l’impurità e la schifezza dell’aria seguita per l’immonditie de’ letami e monti de’ concimi che nelle case de’ contadini raunati si trovano, oltre all’essersi fatte da medesimi stalle de i terreni per animali e bestie grosse e minute, habitando loro stessi nelle case dove i solai sendo a un suolo et antichi facilmente svaporano odori cattivi e traspira fetore tale che etiam senza entrare per le case nel camminare per il luogo si fa sentire»

Una serie di relazioni stese all’inizio del Seicento per ordine del Magistrato alla Sanità dello stato fiorentino, scoperte in archivio, danno modo a Cipolla di evocare le reali condizioni della società del tempo, di entrare nelle case e nei paesi ingombri di «immondezze et spurcitie», irrespirabili per «cattiva esalatione», di spiare la minaccia costante del tifo, della peste, della malaria e le difese, volenterose ma inadeguate se non nocive, che medici e amministratori erigevano contro gli assalti del nemico invisibile.

Carlo M. Cipolla (1922-2000) è autore, oltre che della grande sintesi sulla «Storia economica dell’Europa pre-industriale», di arguti saggi brevi, tra cui «Allegro ma non troppo», «Il burocrate e il marinaio», «Le avventure della lira», «Istruzione e sviluppo», tutti editi dal Mulino.

Acquista:

a stampa € 11,00
collana "Intersezioni"
pp. 120, 978-88-15-24085-9
anno di pubblicazione 2012

Leggi anche

copertina Il pestifero e contagioso morbo
copertina Contro un nemico invisibile
copertina Conquistadores, pirati, mercatanti
copertina Piccole cronache