Fino al 25 luglio -30% sugli e-book / -5% sui libri
spedizione gratuita per corriere a partire da € 32
.

ATTILIO BRILLI

Un paese di romantici briganti

Gli italiani nell'immaginario del Grand Tour

Bella l'Italia, peccato gli italiani...

L'Italia è stata per più di tre secoli meta prediletta dei viaggiatori europei, paradiso della cultura e dei sensi, con le reliquie del passato, il clima, e bellezze paesaggistiche. In questo paradiso come venivano visti gli italiani? Al viaggiatore la loro presenza risulta quasi sempre fastidiosa e ingombrante, a meno che essi non si travestano da comparse consone a uno scenario fittizio. Nascono così quegli stereotipi che condizionano ancor oggi la percezione degli italiani. Nel suo nuovo libro Brilli, tornando a frugare nella sterminata letteratura del viaggio in Italia di cui è insuperato conoscitore, racconta il graduale fissarsi dell'immagine degli italiani e dei luoghi comuni dell'italianità: un percorso paradossale e divertente tra avventure e disavventure di viaggio, aspettative e pregiudizi dei viaggiatori.

Attilio Brilli insegna Letteratura americana nell'Università di Siena. Con il Mulino ha pubblicato "Quando viaggiare era un'arte" (1995; premio "Orient-Express"; trad. tedesca e francese), "Il viaggiatore immaginario" (1997; trad. tedesca), "La vita che corre" (1999; trad. tedesca) e "In viaggio con Leopardi" (2000).

Acquista:

a stampa € 11,50
generalmente disponibile in 2-3 settimane
collana "Intersezioni"
pp. 192, 978-88-15-09075-1
anno di pubblicazione 2003

Leggi anche

copertina Viaggi in corso
copertina Il viaggio in Italia
copertina Le conseguenze della modernità
copertina Come perdere la guerra e vincere la pace