Il razzismo e lo schiavismo ci riguardano


di Redazione Sitomulino
18 Jun 2020

«Noi italiani non siamo razzisti» si sentiva dire di frequente anni fa. Gli italiani erano «buona gente». Anzi, vittime loro di discriminazione. 

Negli Stati Uniti fino a un tempo non lontanissimo gli emigrati italiani non erano classificati come bianchi. Il nostro colonialismo? Una parentesi effimera, appena il tempo per un bacio a una bella abissina. Lo schiavismo era una cosa lontana dalla nostra storia.

Su tutto ciò, abbiamo ormai perduto l’innocenza, se mai l’abbiamo avuta davvero. Come ci ha raccontato Salvatore Bono, fino a due secoli fa i paesi europei, non solo quelli affacciati sull’Atlantico e implicati nella tratta, erano ampiamente e tranquillamente schiavisti.

Ora che l’indignazione per l’assassinio di George Floyd corre le piazze globali è il momento buono per riconoscere fino in fondo che il razzismo e lo schiavismo ci riguardano. Che sono in pieno storia nostra.

I libri del nostro catalogo per approfondire questo tema:

Buona lettura.

Agenda

Newsletter

Per restare informati sulle novità editoriali e le iniziative culturali nelle diverse aree di interesse.

eventi

Eventi

Gli eventi sono come le pagine di un libro, si sfogliano una dopo l’altra, si apprezzano, si commentano, ci emozionano e, a volte, ci fanno sognare.