Copertina Confidenze digitali

Acquista:

prezzo di copertina € 16,00
a stampa € 12,80
e-book € 11,99
Formato:  ePub
collana "Intersezioni"
pp. 176, Brossura, 978-88-15-29836-2
anno di pubblicazione 2023

MASSIMIANO BUCCHI

Confidenze digitali

Vizi e virtù dell'innovazione tecnologica

Il nostro sguardo sulla tecnologia è spesso miope, anzi, strabico. Si focalizza solo sulla novità tecnologica e dimentica l’altra metà della questione: gli esseri umani e il loro modo di utilizzare la tecnologia.

Le nuove tecnologie pervadono le nostre abitudini, le relazioni personali e il modo di vivere. Siamo ormai abituati a sentirci dare del tu dai colossi del web e dagli assistenti virtuali, e a ricevere baci e abbracci nei messaggi anche da persone che non conosciamo. Se qualcuno vicino a noi guarda lo smartphone, siamo indotti a fare lo stesso di lì a qualche secondo. Ricorriamo a video e tutorial in rete per fare quasi ogni cosa, per aggiustare una tapparella, accendere il barbecue o fare il pane in casa. Partendo da situazioni concrete e da abitudini spesso inconsapevoli, l’autore ci aiuta a comprendere meglio il nostro rapporto con la tecnologia, tra vizi e virtù.

Massimiano Bucchi insegna Scienza, tecnologia e società all’Università degli Studi di Trento. Collabora con il «Corriere della Sera» e con Superquark (Rai1). Visiting professor in varie università straniere, è autore di molti libri. Con il Mulino ha pubblicato «Scienza e società. Introduzione alla sociologia della scienza» (2002), «Scegliere il mondo che vogliamo» (2006) e «Scientisti e antiscientisti» (2010).

Introduzione
PARTE PRIMA. CONFIDENZE DIGITALI
I. Confidenze digitali. Perché riceviamo tanti baci e abbracci nei messaggi, e perché colossi del web, chatbot e assistenti virtuali ci danno del tu
II. Hashtag vs screenshot. Tutto sarà dimenticato, niente sarà dimenticato
III. Aiutati che Google t’aiuta. Tutto è (o almeno sembra) a portata di mano
IV. Se guardi il telefono tu, lo faccio anch’io. Imitazione e abitudini tecnologiche
V. «You press a button, we do the rest». La pulsantizzazione delle emozioni
VI. L’era dell’insonnia? Il mito dell’attivismo perpetuo
PARTE SECONDA. IMMAGINI (E INCOMPRENSIONI) DELL'INNOVAZIONE
VII. Spostarsi in monopattino. Scendo quando voglio
VIII. La musica è finita? O forse è solo cambiata, e noi con lei?
IX. E guidarono (e pedalarono) felici e sostenibili. Auto e bici elettriche per tutti?
X. Noi, robot. Quando l’immaginazione precede la tecnologia
XI. La buona innovazione ha bisogno di tempo. Il nuoto come esempio di innovazione lenta
XII. Quando la tecnologia non funziona. «Fallire quaggiù per non fallire lassù»
PARTE TERZA. I NOSTRI ANTENATI. TENDENZE RECENTI, RADICI PROFONDE
XIII. Sempre aperti. Dal bancomat ad Amazon
XIV. Indossare la tecnologia come una seconda pelle. Dall’orologio da polso allo smartphone
XV. Vintage Tech. Le notizie della morte di una tecnologia sono spesso esagerate
XVI. Frenetici e connessi, ma non da oggi. Genealogia dell’impazienza
XVII. Dall’oralità alla scrittura e ritorno. Comunico quando mi pare e piace)
XVIII. Le stanghette degli occhiali e le notifiche. Piccoli dettagli che cambiano le nostre vite
PARTE QUARTA. VIZI E VIRTÙ DELL'INNOVAZIONE
XIX. A portata di clic. Anche la pigrizia è smart?
XX. L’invidia del selfie. Instagram secondo Aristotele
XXI. Avari ma generosi. Perché non vogliamo più pagare per leggere un quotidiano ma siamo pronti a donare soldi a Wikipedia
XXII. Innovazione e superbia. Le vittime di Google Maps e il rischio della hybris tecnologica
XXIII. Narciso da Ovidio ai social. Specchiarsi nella tecnologia
XXIV. Le virtù dell’innovazione. Prudenza, giustizia, temperanza, fortezza
Bibliografia
Indice dei nomi

Leggi anche

copertina La fine del mondo
copertina Supersocietà
copertina Benedetta parola
copertina Solo i folli cambieranno il mondo