ERNESTO GALLI DELLA LOGGIA

Speranze d'Italia

Illusioni e realtà nella storia dell'italia unita

«… la nostra storia, che fino a non molto tempo fa avevamo il diritto di considerare tutto sommato felice, sembra per mille segni essere giunta invece a un presente (che ormai dura da anni) carico di incognite e di presagi che, sempre di più, felici non appaiono per nulla… Ci serve un’altra storia per tornare ad abitare il futuro»

Dopo l’autobiografia intellettuale e politica di Credere, tradire, vivere, Galli della Loggia propone qui il nucleo forte della sua riflessione storiografica: un contributo a ripensare l’intero corso della nostra storia che l’approdo odierno, così intriso di senso di fallimento e di sconfitta, obbliga a ripercorrere. Ne emerge il viluppo di contraddizioni che l’Italia unita si porta dietro dall’inizio, cioè da quella «vera e propria cellula germinale» che fu il Risorgimento. Ad esso risalgono infatti non solo tratti strutturali del Paese come il divario Nord-Sud, ma anche caratteri del suo sistema politico come l’assenza di un partito conservatore, l’avversione per il costituzionalismo liberale, una «ideologia italiana» fatta di enfasi sul ruolo degli intellettuali, di populismo e di moralismo, che nutre di fatto tutte le pur diverse culture politiche del nostro Novecento.

Ernesto Galli Della Loggia ha pubblicato per il Mulino «Il mondo contemporaneo» (1982), «L’identità italiana» (nuova ed. 2010), «Tre giorni nella storia d’Italia» (2010), «Europa perduta?» (con G. Amato, 2014), «Senza la guerra» (con M. Cacciari, L. Caracciolo, E. Rasy, 2016) e «Credere, tradire, vivere. Un viaggio negli anni della Repubblica» (2017).

Introduzione
I. Geopolitica dell'Unità d'Italia (1): Torino contro Milano e il fallimento delle Cinque Giornate
II. Geopolitica dell'Unità d'Italia (2): Nord e Sud nel Risorgimento
III. Un equivoco malizioso: i liberali come «moderati»
IV. Il Risorgimento e dopo: il ruolo negativo dello scontro fra liberalismo e cattolicesimo
V. Alfredo Oriani e le origini ideologiche del Novecento italiano
VI. «Anche l'Italia ha vinto la guerra»
VII. Una Resistenza tradita?
VIII. Il mito della Costituzione
IX. Nascita di una democrazia difficile
X. Patologie italiane: il fascismo sempre in agguato e l'antifascismo perenne
XI. Don Sturzo dimenticato
XII. Il dossettismo contro Dossetti
XIII. Perché fu sconfitta la cultura liberal-democratica in Italia
XIV. La modernità anomala e il fallimento della Sinistra
XV. Dialogo con Pietro Scoppola
XVI. L'azionismo immaginario, ovvero il partito democratico mancato
Indice dei nomi

Acquista:

a stampa € 24,00
e-book € 16,99
Formato:  ePub , Kindle
collana "Biblioteca storica"
pp. 352, Rilegato, 978-88-15-27415-1
anno di pubblicazione 2018

Leggi anche

copertina Le donne di Dante
copertina Eva, la prima donna
copertina Donne d'avanguardia
copertina Ei fu