#iorestoacasa
Il sito internet e il magazzino del Mulino sono pienamente operativi. Faremo del nostro meglio per fornire tutta l’assistenza necessaria; per evadere il più rapidamente possibile l'elevato numero di ordini in arrivo, le domande sui tempi di consegna inviate a diffusione@mulino.it riceveranno risposta solo se la destinazione rientrasse nelle zone a ridotta operatività dei corrieri, soggette a continui aggiornamenti.

Il costo di spedizione per corriere di libri e fascicoli acquistati su www.mulino.it è ridotto da € 5,20 a € 3; l’invio per corriere è gratuito per acquisti di importo superiore a € 32.

FRANCO CARDINI

Samarcanda

Un sogno color turchese

Potenza di una città sognata: ci arrivi e ti stupisci che esista davvero

Nessuna città ha un nome così evocativo: appena lo pronunci l’Oriente t’assale. Samarcanda è l’estrema tra le Alessandrie fondate dal re macedone; è la città delle fortezze e dei sepolcri; è il nodo carovaniero sulla Via della Seta, il maggior raccordo commerciale di terra fra Cina ed Europa; è la sede del Gur-Amir, tempio e santuario, centro del mondo dalla cupola turchese sotto la quale il grande Tamerlano dorme per sempre. Parla una lingua in cui coesistono e si contrappongono tre alfabeti - cirillico, latino, arabo - come specchio della lotta tra chi ancora guarda al vecchio colonizzatore russo, chi sostiene l’islamizzazione e chi vorrebbe giocare sino in fondo la carta dell’occidente.

Franco Cardini è professore emerito di Storia medievale nell’Istituto Italiano di Scienze Umane e Sociali/Scuola Normale Superiore; è Directeur de Recherches nell’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi e Fellow della Harvard University. Per il Mulino ha tra l’altro pubblicato «Gerusalemme» (2012), «Istanbul» (2014), «Andare per le Gerusalemme d’Italia» (2015) e «Onore» (2016).

Mettersi in viaggio
I. Kan ma kan...
C'era una volta...
Afrasiab, Samarcanda, Maracanda
II. La conquista musulmana
Vigilia d'Islam. Storie di santi e di teste tagliate
Decenni d'incertezza
Tra Samanidi e Karakhanidi
Il vino, il vetro, la carta, i sogni
III. Spezie e massacri
La «Via della Seta»
Gengis Khan
Un veneziano alla corte del Gran Khan
Ma l'avrà vista Samarcanda?
Mercanti e missionari
IV. Timur, il «signore della paura»
Grandi si nasce, emiri si diventa
Un nuovo ordine tribale
Un immenso, effimero impero
V. Dal Caucaso all'India
Torri di teschi
Tiranno o salvatore d'Europa?
Muore l'Emiro, nasce il mito
VI. La capitale di Timur
Minareti, giardini, miniature
Invito a una passeggiata
Santuario, necropoli, montagna sacra
Il Trionfo della Morte
VII. I secoli del sopore
Ulugh Beg, il principe sapiente
L'ultimo timuride alla conquista dell'India
Decadenza
VIII. Il «Grande Gioco»
Arrivano i russi
Un balto-germanico «suocera dell'impero» zarista
All'ombra dell'aquila bicipite
IX. Cupole color cielo, bandiere rosso sangue
Da ovest, molto di nuovo
L'Armata rossa
I duellanti
X. La Samarcanda sovietica
Religione e società
Tre modelli d'Islam
XI. Il sufi, l'operaia e il B&B
Un quartiere: lo Shangai coreano
Vino forse vecchio e otri seminuovi
Capire l'oggi, sognare il domani
Epilogo. Samarcanda ora, Samarcanda sempre
Appendice
Nota linguistica
Cronologia
Glossario
Bibliografia
Rngraziamenti

Acquista:

a stampa € 16,00
e-book € 11,99
Formato:  ePub , Kindle
collana "Intersezioni"
pp. 344, 978-88-15-26643-9
anno di pubblicazione 2016

Leggi anche

copertina La vita delle piante
copertina La via della seta
copertina Storia della massoneria italiana
copertina Il narcisismo