il Mulino

Copertina Il rischio di fidarsi

Acquista:

a stampa € 12,00
e-book € 8,49
Formato:  Kindle , ePub
collana "Voci"
pp. 168, Brossura, 978-88-15-26635-4
anno di pubblicazione 2016

SALVATORE NATOLI

Il rischio di fidarsi

La fiducia è in primo luogo un legame originario: solo perché abbiamo ricevuto amore e sicurezza ne diveniamo capaci. La sperimentiamo quotidianamente nei legami parentali, amicali, sociali, come pure nelle istituzioni, che rendono possibili patti di lealtà anche fra persone estranee. E infine si ha fiducia - quando la si ha - in una potenza altra, Dio, a cui ci si affida in ragione d’una promessa di salvezza. Di fronte a un’impossibile autosufficienza, fidarsi, anzitutto come atto di generosità, è un rischio che dobbiamo correre.

Salvatore Natoli ha insegnato Filosofia teoretica nell’Università degli studi di Milano-Bicocca e Storia delle idee nell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Fra i suoi numerosi libri ricordiamo «Il buon uso del mondo» (Mondadori, 2015) e per il Mulino, «Non ti farai idolo né immagine» (con P. Sequeri, 2011) e «Perseveranza» (2014).

Premessa
I. Della certezza e del dubbio
1. Genesi sociale della fiducia
2. Il dubbio
II. Fiducia e rischio
1. Credito e affidabilità
2. Fiducia in sé stessi
III. Il luogo eminente della fiducia: l'amicizia
1. «Philia»: la fiducia incondizionata
2. Fedeltà
3. La «fides» pubblica
IV. Fattori di fiducia e sfiducia
1. Conflitto e cooperazione
2 Fiducia nelle istituzioni
V. Patto di cittadinanza
1. Fisiologia e patologie della politica: trasparenza e corruzione
2. Pubbliche aspettative e lealtà/slealtà politica
VI. «Sola fides»
1. Credenze
2. Fede e secolarizzazione

Leggi anche

copertina Agostino, fare la verità
copertina Sapienza di Salomone
copertina Bentornato Stato, ma
copertina Senza vendette