Copertina Storia di Clelia Farnese

Acquista:

prezzo di copertina € 14,00
a stampa € 11,20
collana "Storica paperbacks"
pp. 340, Brossura, 978-88-15-26609-5
anno di pubblicazione 2016

GIGLIOLA FRAGNITO

Storia di Clelia Farnese

Amori, potere, violenza nella Roma della Controriforma

«Per la gioia di tutti i lettori che amano la storia, una vicenda che avrebbe incantato Stendhal»

BENEDETTA CRAVERI

«affascinante vicenda di una donna straordinaria»

CORRADO AUGIAS

Regina di bellezza e mondanità nella Roma del tardo Cinquecento, Clelia Farnese (1557-1613), figlia naturale del potente cardinale Alessandro Farnese, fu data in sposa al nobile romano Giovan Giorgio Cesarini. Corteggiatissima, anche dal cardinale Ferdinando de’ Medici, rivale paterno al soglio pontificio, quando rimase vedova fu obbligata a lasciare la città e a sposare il rozzo e manesco signore di Sassuolo. Solo alla morte di lui poté rientrare a Roma, dove concluse la vita lontano dalla scena pubblica. La storia di una donna fascinosa e ribelle, fra intrighi famigliari e manovre politiche, si offre come un eloquente ritratto della vita romana negli anni della Controriforma.

Gigliola Fragnito ha insegnato Storia moderna nell’Università di Parma. Con il Mulino ha pubblicato anche «La Bibbia al rogo. La censura ecclesiastica e i volgarizzamenti della Scrittura» (nuova ed. 2015), «Proibito capire. La Chiesa e il volgare nella prima età moderna» (2005), «Cinquecento italiano. Religione, cultura e potere dal Rinascimento alla Controriforma» (2012).

Introduzione
I. «Non vorrei che lei comparisse da manco de l'altre». Nascita e infanzia
II. «Un parentado proportionato per l'una et l'altra parte». I capitoli matrimoniali
III. «La giovine è d'infinito spirito et gratia». Le nozze a Rocca Sinibalda
IV. «Dubito faremo una frittata». La maternità
V. «Li nostri signori de qua sguazzano il mondo». La socialità romana
VI. «Piacia a Dio il conservarli in questa pace et quiete». I rapporti coniugali
VII. «Gran Cardinale, unico splendore, et grandezza della corte». Il cardinale Farnese e il cardinale de' Medici
VIII. «Essendo il signor Giovan Giorgio un fallito». Il cardinale Farnese e il genero Cesarini
IX. «Roma che più di tutte le altre Città trasforma le pulci in Monti et i Monti in Mondi». Il fascino indiscreto di Clelia
X. «Avemo taciuto et sofferto». La vedovanza
XI. «Il Cesarini si è fatto bellissimo cavaliere». Imparentarsi con Sisto V
XII. «Che non pensasse di veder mai più Roma». Il sequestro
XIII. «Restò vinto, preso et legato dai vivi raggi di lei». Il matrimonio con Marco Pio di Savoia
XIV. «Ha havuto tutto quello che ella ha saputo adimandare del suo». La restituzione della dote di Clelia
Epilogo. «Sperarei forse un giorno repatriare». La nostalgia di Roma
Sigle e abbreviazioni
Note
Alberi genealogici Cesarini e Farnese
Indice dei nomi

Leggi anche

copertina La Sicilia musulmana
copertina Perché il Sud è rimasto indietro
copertina I barbari
copertina Gli Arabi e l'Europa nel Medio Evo