GIAN ENRICO RUSCONI

Egemonia vulnerabile

La Germania e la sindrome Bismarck

«Ci siamo svegliati e improvvisamente ci siamo accorti di avere un ruolo da leader, almeno in Europa, ma senza averne la voglia. Il paese non aveva la minima idea di che cosa volesse dire avere un ruolo egemone»

Joschka Fischer

«Dobbiamo convincere il mondo che un’egemonia tedesca in Europa agisce in modo più utile,imparziale e meno dannoso per la libertà che un’egemonia di altri»: così scriveva Otto von Bismarck. Per il «cancelliere di ferro» si trattava di un’egemonia consapevole della forza e dei limiti della«potenza di centro» tedesca e quindi della sua vulnerabilità. Oggi naturalmente la Germania agisce in un contesto storico e politico inconfrontabile con quello bismarckiano, innanzi tutto per l’esistenza dell’Unione europea di cui è parte integrante e insostituibile. Ma proprio nel corso dell’attuale crisi economico-finanziaria si è delineata una nuova (sia pur controversa) egemonia tedesca. Di nuovo una «sindrome Bismarck»? La crisi dei rifugiati rischia di portare l’Unione verso la paralisi decisionale e di far perdere a Berlino la capacità di svolgere il suo ruolo di orientamento. «Tutto quello che facciamo in Europa è infinitamente faticoso» dice Angela Merkel. Ancora una volta la Germania si trova a fare i conti con la vulnerabilità della sua egemonia.

Gian Enrico Rusconi ha insegnato Scienza politica nell’Università di Torino. Con il Mulino ha tra l’altro pubblicato «Se cessiamo di essere una nazione» (1993), «Resistenza e postfascismo» (1995), «Patria e repubblica» (1997), «L’azzardo del 1915» (20092), «Cavour e Bismarck» (2011), «1914: attacco a occidente» (2014).

Introduzione. Quale Bismarck, quale Germania, quale Europa
I. Come la nazione tedesca è diventata «potenza di centro» in Europa
1. La «potenza di centro» nasce illiberale. La guerra austro-prussiana e il ruolo dell'Italia e della Francia
2. Le innovazioni costituzionali «rivoluzionarie» e lo scontro con i liberali
3. La guerra franco-prussiana e la fondazione dell'impero. Una «rivoluzione tedesca»
II. Il sistema Bismarck. Egemonia, equilibrio di potenza, alleanze a intensità variabile
1. Germania, potenza di centro «satura» ma «sempre in vedetta»
2. La problematica eredità di Bismarck
3. «Bismarck davanti agli occhi». Alcune valutazioni di oggi
III. La Germania di nuovo «potenza di centro»
1. La riunificazione di Kohl e l'unificazione della Germania di Bismarck. Analogie e differenze
2. Caratteristiche e limiti della «potenza di centro» oggi. Un dibattito aperto
IV. L'egemone alla prova
1. La Germania di fronte al conflitto russo-ucraino e all'attivismo di Putin
2. La Russia. La lezione bismarckiana e le ambiguità odierne. Dov'è il confine dell'Occidente?
3. Angela Merkel. Una cancelliera «indispensabile per l'Europa»

Acquista:

a stampa € 14,00
e-book € 9,99
Formato:  ePub , Kindle
collana "Contemporanea"
pp. 176, 978-88-15-26333-9
anno di pubblicazione 2016

Leggi anche

copertina Dove va la Germania?
copertina La grande livellatrice
copertina Arricchimento
copertina Errore

Ebook, i libri a portata di click

Attraverso gli ebook, il Mulino propone una parte significativa del proprio catalogo in edizione digitale.
Disponibili in questo sito e nei principali shop online, sono in formato ePub e Mobipocket e possono essere letti sui principali reader - compreso il Kindle -, sui tablet - compreso l'iPad -, negli smartphone e su computer.

Online su Pandoracampus

Studiare in digitale. Pandoracampus è la piattaforma multieditore nata su iniziativa del Mulino. I manuali per l'università e la formazione superiore vanno online in streaming, integrati con la rete e arricchiti da risorse per studiare e insegnare in modo efficace.