Copertina L'alba del Medioevo

Acquista:

a stampa € 10,00
collana "Intersezioni"
pp. 104, Brossura, 978-88-15-25387-3
anno di pubblicazione 2014
Nuova edizione

VITO FUMAGALLI

L'alba del Medioevo

«Su, in alto nel cielo si vedevano segni spaventosi: lance di fuoco, schiere di uomini in armi, rosseggianti, verso il nord. Ed ecco che il popolo crudele dei Longobardi, come una spada sguainata, calò sulle nostre teste, La gente fu come falciata. Borghi distrutti, chiese date alle fiamme, monasteri saccheggiati, città private dei loro abitanti, campagne spopolate, villaggi abbandonati trasformati in ricettacoli di bestie selvagge: ecco l’opera dei Longobardi»

Queste pagine rievocano il sesto secolo, vale a dire il momento buio e drammatico che segna la definitiva dissoluzione della civiltà romana e l’avvio del Medioevo. Ci raccontano di un’Europa corsa dai barbari, di città abbandonate, del territorio che torna selvatico, di una popolazione in balia delle malattie e delle calamità, atterrita dai lupi oltre che dai mostri e demoni della sua stessa fantasia. Ma nel sapiente incastro di notizie, aneddoti, leggende che l’autore sa cavare dalle pieghe delle fonti antiche, poco a poco cominciano a intravedersi nuove figure, come gli eremiti, che nel silenzio e nella solitudine dei monasteri lavorano a porre le basi di una nuova epoca.

Vito Fumagalli (1938-1997) è autore di saggi sulla mentalità, i modi di vita, l’ambiente nel Medioevo tra i quali «Quando il cielo s’oscura» (1987), «La pietra viva» (1988), «Solitudo carnis» (1990), «Matilde di Canossa» (1996), «Storie di Val Padana» (2012), tutti pubblicati dal Mulino.

Introduzione
I. Dove i lupi diventano ciechi
II. Il paesaggio del dolore
III. Il dominio della notte
IV. La fine del mondo
V. Nel segno della speranza
VI. Rimpianto del passato e paura del presente
VII. Uomini e lupi
VIII. Monaci contadini
Bibliografia

Leggi anche

copertina Quando il cielo s'oscura
copertina Diritto amministrativo
copertina Storia del pensiero giuridico occidentale
copertina Il gusto delle spezie nel Medioevo