MARTHA C. NUSSBAUM

Non per profitto

Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica

Premuti dalla crisi economica molti paesi infliggono pesanti tagli agli studi umanistici e artistici a favore di abilità tecniche e conoscenze pratico-scientifiche. E così mentre il mondo si fa più grande e complesso, gli strumenti per capirlo si fanno più poveri e rudimentali. Mentre l’innovazione chiede intelligenze flessibili, aperte e creative, l’istruzione si ripiega su poche nozioni stereotipate. Non si tratta di difendere una presunta superiorità della cultura classica su quella scientifica, bensì di mantenere l’accesso a quella conoscenza che nutre la libertà di pensiero e di parola, l’autonomia del giudizio, la forza dell’immaginazione.

Martha C. Nussbaum insegna Law and Ethics nell’Università di Chicago. Tra i suoi numerosi libri pubblicati dal Mulino ci limitiamo a segnalare, da ultimo, «Emozioni politiche. Perché l’amore conta per la giustizia» (2014).

Introduzione, di Tullio De Mauro
I. La crisi silenziosa
II. Istruzione per il profitto, istruzione per la democrazia
III. Formare cittadini: i sentimenti morali (e anti-morali)
IV. La pedagogia socratica: l'importanza del ragionamento
V. Cittadini del mondo
VI. Coltivare l'immaginazione: la letteratura e le arti
VII. L'istruzione democratica alle corde
Postfazione. Riflessioni sul futuro della cultura umanistica nel mondo
Indice dei nomi

Acquista:

a stampa € 12,00
collana "Biblioteca paperbacks"
pp. 176, 978-88-15-25304-0
anno di pubblicazione 2014

Leggi anche

copertina La fragilità del bene
copertina Matilde di Canossa
copertina La società individualizzata
copertina Giustizia sociale e dignità umana