CARLO M. CIPOLLA

Conquistadores, pirati, mercatanti

La saga dell'argento spagnuolo

"Tra l'anno 1536 e il 1566, si verific? nelle colonie spagnuole una straordinaria sequenza di fatti stupefacenti che trasformarono la Spagna da paese di secondo o anche terzo ordine nel paese pi? ricco e pi? potente del mondo. Cosa diavolo in effetti successe?".

A partire dalla met? del Cinquecento, una marea di argento proveniente dalle colonie americane, soprattutto Messico e Per?, prese a riversarsi sulla Spagna e poi sull'Europa. Il metallo prezioso viaggi? incessantemente da Occidente verso Oriente in pagamento delle merci orientali appetite dagli europei, le quali compivano l'itinerario inverso. Dalla Turchia alla Persia, all'India, alla lontana Cina, fu una rozza e pesante moneta d'argento, il "real de a ocho", a far funzionare il sistema di questo commercio su scala mondiale.

Carlo M. Cipolla (1922-2000) ? autore, oltre che della grande sintesi sulla "Storia economica dell'Europa pre-industriale", di arguti saggi brevi tra cui "Allegro ma non troppo", "Miasmi e umori", "Il burocrate e il marinaio", "Le macchine del tempo", "Vele e cannoni" e "Tre storie extra vaganti", tutti editi dal Mulino.

Acquista:

a stampa € 10,00
collana "Intersezioni"
pp. 104, 978-88-15-23424-7
anno di pubblicazione 2011
Nuova edizione

Leggi anche

copertina Tre storie extra-vaganti
copertina Le macchine del tempo
copertina Vele e cannoni
copertina The Basic Laws of Human Stupidity