ANTONIO CASSESE

L'esperienza del male

Guerra, tortura, genocidio, terrorismo alla sbarra. Conversazione con Giorgio Acquaviva

I trattati internazionali non riescono più a frenare i crimini di guerra: i conflitti attuali sono scontri spietati tra belligeranti diseguali che fanno regredire alla barbarie più feroce. Dilagano forme di privatizzazione della guerra che si sottraggono a qualsiasi tipo di legge. I diritti umani, poi, sono usati spesso come pretesti per attaccare l'avversario. In questa antiretorica conversazione Antonio Cassese, che pure ha dedicato la propria vita ad affermare il diritto, spesso rischiando anche in proprio, ne mette a nudo la debolezza. Ma in questo paesaggio umano dolente, dove si scandagliano i fondali oscuri della nostra convivenza civile, emerge con forza il ruolo decisivo dell'opinione pubblica internazionale: quella che Cassese intende qui risvegliare raccontandoci, con la memoria degli occhi ma anche con la generosità del cuore, la sua esperienza di judge internazionale.

Antonio Cassese è stato professore di Diritto internazionale e rappresentante del governo italiano in vari organi dell'Onu - tra cui la Commissione dei diritti umani - poi presidente del Comitato del consiglio d'Europa per la prevenzione della tortura e primo presidente del Tribunale penale internazionale per la ex Jugoslavia. Nel 2004 ha presieduto la Commissione internazionale d'inchiesta dell'Onu sui crimini del Darfur, e dal 2009 è stato presidente del Tribunale speciale per il Libano. Giorgio Acquaviva ha lavorato a "Il Giorno" e al "Quotidiano Nazionale" come caporedattore e vaticanista.

Acquista:

a stampa € 16,00
collana "Contemporanea"
pp. 264, 978-88-15-23309-7
anno di pubblicazione 2011

Leggi anche

copertina Non dire falsa testimonianza
copertina Ama il prossimo tuo
copertina L'Italia: una società senza Stato?
copertina Fiat-Chrysler e la deriva dell'Italia industriale