MAGDA MARTINI, THOMAS SCHAARSCHMIDT (a cura di)

Riflessioni sulla DDR

Prospettive internazionali e interdisciplinari vent'anni dopo

Il volume raccoglie gli atti del primo convegno italiano sulla storia dello "Stato tedesco degli operai e dei contadini": 22 tra i maggiori studiosi e conoscitori della storia della Germania socialista si passano il testimone nel tracciare il bilancio di vent'anni di ricerca non soltanto storica, ma anche minuziosamente microstorica, antropologica, culturale e comparata. Ne emerge il profilo di un paese complesso, lontano tanto dai clichés dominanti nei mass media quanto dagli schematismi diffusi anche in ambito storiografico. Non una "nota a piè di pagina" della storia tedesca, ma nemmeno la perduta Atlantide che molti rimpiangono. Una vicenda su cui riflettere, piuttosto, mettendo in discussione non solo il passato di chi ne ha vissuto la storia, ma anche il presente di chi la scrive, come accade nel romanzo di Christa Wolf "Riflessioni su Christa T.". Riconsiderando tutto: i miti rivoluzionari e l'ideologia, la politica e l'economia, le relazioni internazionali e la Stasi, la letteratura e il cinema, gli intellettuali e lo sport, l'avvicendarsi delle generazioni e i processi di costruzione della memoria, fino all'eredità consegnata alla Germania contemporanea.

Magda Martini, dottore di ricerca in Storia contemporanea e già collaboratrice dell'Istituto storico italo-germanico, si occupa di storia della cultura con particolare riguardo per il ruolo del mondo intellettuale nell'ambito della politica. Thomas Schaarschmidt è ricercatore presso il Zentrum für Zeithistorische Forschung di Potsdam, in Germania. I suoi principali ambiti di interesse riguardano la cultura della memoria, la storia della Germania nel secolo delle dittature e le relazioni tra le due Germanie.

Acquista:

a stampa € 34,00
collana "Quaderni dell'Istituto storico italo-germanico in Trento"
pp. 520, 978-88-15-15031-8
anno di pubblicazione 2011

Leggi anche

copertina Un futuro più giusto
copertina Progresso
copertina Buio
copertina Perché combattere la disuguaglianza