KARL R. POPPER

Le fonti della conoscenza e dell'ignoranza

"Il più grande filosofo della scienza mai esistito" (Peter Medawar)

I due saggi che compongono questo libro esprimono il senso profondo che ha animato la battaglia culturale e politica di Popper. Interrogarsi e pronunciarsi sulla validità della nostra conoscenza non significa soltanto affinare la speculazione, ma anche offrire visioni del mondo che possono essere fatte proprie da tutti gli uomini. Popper non ammette fonti privilegiate di verità e giudica deleterio perseguire idolatricamente la certezza e l'oggettività della scienza. La conoscenza è umana e perciò stesso intessuta di pregiudizi, sogni, speranze. Possiamo solo procedere per confutazioni, riconoscendo ed eliminando gli errori, che saremo tanto più sagaci a cercare quanto più consapevoli saremo della nostra imperfezione.

Karl R. Popper (1902-1994) è stato uno dei maggiori filosofi del Novecento. Il Mulino ha pubblicato anche "Congetture e confutazioni" (1972), "Il mito della cornice" (1995), "La conoscenza e il problema corpo-mente" (1996).

Acquista:

a stampa € 11,00
collana "Biblioteca paperbacks"
pp. 128, 978-88-15-14709-7
anno di pubblicazione 2011

Leggi anche

copertina La conoscenza e il problema corpo-mente
copertina Ascesa e declino
copertina L'interazione strategica
copertina Congetture e confutazioni