ALBERTO BIANCARDI (a cura di)

L'eccezione e la regola

Tariffe, contratti e infrastrutture

Questo libro ha, innanzitutto, il fine di descrivere l'assetto e le caratteristiche salienti dei principali settori infrastrutturali - aeroporti, autostrade, ferrovie e idrico - nonché la loro regolazione economica e la governance del sistema nel suo insieme. Tutto ciò, a sua volta, per consentire anche ai non addetti ai lavori di comprendere con sufficiente dettaglio, ad esempio, come sono determinate le tariffe del settore autostradale nel nostro paese, oppure cosa è un ATO nel settore idrico. Il libro ha, altresì, un fine propositivo: formulare alcune riflessioni e suggerimenti su come migliorare la regolazione dei singoli settori e la governance complessiva del sistema. In quest'ultimo ambito, viene anche discussa l'opportunità di istituire un'Autorità di regolazione indipendente nei trasporti e nel settore dell'acqua. Il lavoro nasce da alcune riflessioni effettuate, nella legislatura 2006-2008, durante l'attività svolta dagli autori del volume presso il Nars, l'organismo di consulenza che opera presso il Cipe e la presidenza del Consiglio dei ministri sui temi della regolazione dei servizi di pubblica utilità.

Contributi di Elena Gallo, Maria Martoccia, Marzia Minozzi, Pier Vincenzo Rametta, Piero Rubino, Walter Vasselli.

Alberto Biancardi è esperto di regolazione economica. Ha lavorato, tra l'altro, presso l'Autorità per l'Energia, il ministero dell'Industria, l'Autorità Antitrust, nonché presso imprese operanti nei settori dell'energia. Attualmente è direttore generale della Cassa conguaglio per il settore elettrico e responsabile energia e infrastrutture dell'Arel. Nella collana Arel-il Mulino ha già pubblicato, con Fulvio Fontini, "Liberi di scegliere? Mercati e regole nei settori dell'energia" (2005).

Acquista:

a stampa € 37,00
collana "Pubblicazioni Arel"
pp. 560, 978-88-15-13189-8
anno di pubblicazione 2010

Leggi anche

copertina Un futuro più giusto
copertina Progresso
copertina Buio
copertina Perché combattere la disuguaglianza