GIUDITTA BRUNELLI

Donne e politica

L'Italia, sesto paese industriale al mondo, è all'85esimo posto nella classifica dei parlamenti per presenza femminile. Perché, dal momento che nessuna norma limita la parità dei sessi, è ancora così bassa la partecipazione delle donne alla nostra vita politica? L'autrice offre un quadro - anche in chiave comparata - del cammino compiuto per superare la discriminazione giuridica delle donne; esamina le cose fatte e quelle ancora da fare; discute l'atteggiamento dei partiti e illustra gli orientamenti dell'Unione europea in materia. Infine, a partire dalla conquista del voto fino alla vicenda delle quote "rosa" nelle liste elettorali, mostra come anche rimuovendo gli ostacoli normativi ne restino altri di natura sociale e culturale. Le sentenze della Corte costituzionale sono infatti indispensabili, ma non sufficienti a far raggiungere l'eguaglianza di genere.

Giuditta Brunelli insegna Istituzioni di diritto pubblico nell'Università di Ferrara. È autrice di numerosi studi di diritto costituzionale, tra cui "Struttura e limiti del diritto di associazione politica" (Giuffr, 1991).

1. Donne e politica, donne in politica
2. Donne elettrici, donne elette: un cammino lungo e incompiuto
3. La legge declinata al femminile: dal divieto di discriminazione all'azione positiva
4. La vicenda italiana: le quote riservate alle donne nelle liste elettorali
5. Oltre il cortile di casa: uno sguardo ad alcune esperienze europee
6. Unione europea e parità dei sessi nei processi decisionali
7. Come favorire la politica al femminile: un ventaglio di soluzioni possibili
Per saperne di più

Acquista:

a stampa € 11,00
e-book € 6,49
Formato:  ePub , Kindle
collana "Farsi un'idea"
pp. 128, 978-88-15-10983-5
anno di pubblicazione 2006

Leggi anche

copertina I sondaggi politici nelle democrazie contemporanee
copertina Donne al lavoro
copertina A cosa servono le Costituzioni
copertina Donne, potere, politica