HARTWIN BRANDT

L'epoca tardoantica

Sorta di Giano bifronte nel suo essere al tempo stesso una fine e un inizio, il periodo fra Antichità e Medioevo gode oggi negli studi di una particolare fortuna. Se tradizionalmente era associata all'idea di decadenza, l'epoca cosiddetta "tardoantica" ha ormai acquisito una propria dignità in quanto sostrato dell'Europa moderna. Il volume di Brandt traccia, secondo tale nuova prospettiva, la storia di questo momento di trapasso fra il terzo e il sesto secolo d.C., segnato da numerosi contrasti e rivolgimenti. Oltre a esporre i fatti in maniera chiara e lineare, l'autore mette in luce quanto vasti siano l'eredità e gli impulsi che da quell'età discendono: basti pensare alla diffusione del Cristianesimo, alla tensione fra potere ecclesiastico e potere secolare, alla codificazione del diritto, alla ricezione della cultura antica nei regni germanici - tutti aspetti che hanno lasciato una forte impronta sull'Europa medioevale e moderna.

Hartwin Brandt insegna Storia antica alla Technische Universität di Chemnitz. Tra le sue pubblicazioni: "Zeitkritik in der Spätantike" (1988).

Introduzione. Tra fine e principio
1. Diocleziano e la tetrarchia (284-305): un nuovo inizio
2. Costantino il Grande (306-337): una cesura
3. I figli di Costantino (337-361): un passo indietro
4. Giuliano (361-363): un grandioso fallimento
5. Valentiniano I e Valente (364-378): trasformazione e tracollo
6. Teodosio il Grande (379-395): la fine dell'unità?
7. Da Teodosio I a Teodorico (395-526): la fine dell'impero d'occidente
8. Da Teodosio I a Giustiniano (395-565): da Roma a Bisanzio
Conclusioni. Sulla via verso l'Europa
Cronologia
Letture consigliate
Indice dei nomi

Acquista:

non disponibile
collana "Universale Paperbacks il Mulino"
pp. 124, 978-88-15-09825-2
anno di pubblicazione 2005

Leggi anche

copertina L'Italia dei barbari
copertina Roma nell'età della repubblica
copertina Storia dell'Occidente medievale
copertina Carlo Magno