DONATELLA DELLA PORTA

I new global

Molti li temono, altri li corteggiano: chi sono e cosa vogliono veramente i disobbedienti.

Di estrema sinistra o di area cattolica, anarchici o boy scout, ecologisti o fan di Che Guevara, ex femministe o studenti di economia: questa la popolazione variopinta del movimento noglobal, o meglio new global, che è emerso a Seattle ed esploso anche in Italia con le contestazioni di Genova e il Social forum di Firenze. L'autrice, da molti anni impegnata a studiare l'azione collettiva, illustra le principali caratteristiche di questo movimento globale dall'identità sfaccettata, che sperimenta nuove forme di protesta, e che sfida le istituzioni nazionali e internazionali in nome di una diversa concezione della democrazia e della cittadinanza. Il volume analizza le sue origini, le varie strategie di contestazione, l'organizzazione a rete, le interazioni con governo e polizia, ma anche con la sinistra istituzionale. Infine, mette in luce come il movimento, lungi dal rappresentare una reazione puramente negativa ai processi di cambiamento, intrecci, nella rivendicazione di una "globalizzazione dei diritti", domande di giustizia sociale.

Donatella della Porta insegna Sociologia all'Istituto universitario europeo e Scienza politica nell'Università di Firenze. Con il Mulino ha pubblicato, tra l'altro, "La politica locale" (II ed. 2002) e "I partiti politici" (2001).

1. Che cos'è un movimento globale
2. La globalizzazione dei diritti: cosa vogliono i new global
3. Mediatico e non violento? I repertori della protesta
4. Tra nodi e reti
Conclusione. Un movimento new global?
Per saperne di più

Acquista:

a stampa € 11,00
e-book € 6,49
Formato:  Kindle , ePub
collana "Farsi un'idea"
pp. 144, 978-88-15-09322-6
anno di pubblicazione 2003

Leggi anche

copertina Psicologia delle differenze di genere
copertina Carnefici e vittime
copertina Droghe e tossicodipendenza
copertina L'infanzia