La scomparsa di Paolo Prodi


di Redazione Sitomulino
18 Dec 2016

Si è spento all'età di 84 anni Paolo Prodi. Storico insigne, ha pubblicato tutti i suoi libri principali con il Mulino, della cui Associazione è stato uno dei protagonisti.
Una nota editoriale di Ugo Berti Arnoaldi e la sua ultima intervista televisiva.

___________________________________________

Paolo Prodi, scomparso il 16 dicembre, è stato uno dei protagonisti del lavoro culturale del Mulino nelle sue diverse istituzioni, dall’Associazione alla Biblioteca, all’editrice, a partire in particolare dal rapporto editoriale stretto alla metà degli anni Settanta fra il Mulino e l’Istituto italo-germanico di Trento, che Prodi aveva allora contribuito a fondare.

La sua presenza ha marcato fortemente le scelte editoriali del Mulino per la storia. Soprattutto, Prodi ha dato al Mulino la quasi totalità dei suoi studi: da Il sovrano pontefice, fondamentale ricerca sullo Stato pontificio, alla straordinaria trilogia Il sacramento del potere, sul giuramento politico, Una storia della giustizia e Settimo non rubare, che disegna la sua grandiosa visione dello sviluppo della storia europea dal Medioevo a oggi: una visione ripresa e sintetizzata con Il tramonto della rivoluzione e con il recentissimo Occidente senza utopie scritto con Massimo Cacciari.

Dal 2012 aveva iniziato a raccogliere la sua produzione dispersa in una serie di volumi tematici che doveva concludersi nel 2017 con un ottavo volume dedicato alle proprie esperienze politiche.

Ugo Berti Arnoaldi

 

Agenda

Newsletter

Per restare informati sulle novità editoriali e le iniziative culturali nelle diverse aree di interesse.

eventi

Eventi

Gli eventi sono come le pagine di un libro, si sfogliano uno dopo l’altro, per conoscere, approfondire e, a volte, stupirsi.