Dialoghi Matematici a Bologna


di Redazione Sitomulino
05 Oct 2020

II 21 dicembre 2020 online l'ultimo incontro di "Matematica: genere femminile, numero singolare"

 

Si è conclusa una nuova edizione dei Dialoghi Matematici all'Oratorio di San Filippo Neri per ripercorrere le storie individuali di alcune donne, importanti figure della ricerca, pioniere di una disciplina che conta una tradizione prevalentemente al maschile. Prevalente ma non esclusiva. 

Di seguito il programma completo della rassegna:

lunedì 21 dicembre ore 18 - online

Un ultimo incontro online per recuperare l'appuntamento che lo scorso 7 novembre non si è potuto svolgere all'Oratorio di San Filippo Neri di Bologna.

MARIA GAETANA AGNESI (1718-1799) ed EMMA CASTELNUOVO (1913-2014): la rivoluzione nell'insegnamento 

Marco Andreatta e Umberto Bottazzini 

con il commento grafico live di Gabriele Peddes

Introduce e modera Pino Donghi

Per recuperare l'incontro, se non avete potuto seguirlo in diretta, questo il link al nostro canale YouTube 

 

sabato 10 ottobre ore 17.30

EMMY NOETHER (1882-1935). I segreti della simmetria 

Nicola Arcozzi e Ilaria Del Corso 

con il commento grafico di Francesca Basso 

 

sabato 24 ottobre ore 17.30

SONJA KOVALEVSKAJA (1850-1892). Una storia avventurosa di equazioni, teoremi e vocazioni letterarie

Silvia Benvenuti e Roberto Natalini 

con il commento grafico di Gabriele Peddes

Per assistere virtualmente a questo incontro potete andare sul nostro canale Youtube 

 

Tutti gli incontri sono introdotti e moderati da Pino Donghi

 

Programma completo

 

I Dialoghi Matematici sono organizzati dal Mulino in collaborazione con Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e Mismaonda, con il contributo di UniCredit e Fondazione ITS MAKER - Accademia della meccanica avanzata per corsi post diploma e nell'ambito del Patto per la lettura del Comune di Bologna.

Agenda

Newsletter

Per restare informati sulle novità editoriali e le iniziative culturali nelle diverse aree di interesse.

eventi

Eventi

Gli eventi sono come le pagine di un libro, si sfogliano una dopo l’altra, si apprezzano, si commentano, ci emozionano e, a volte, ci fanno sognare.