CALL FOR PAPERS: Towards an increasing integration of the German and Italian industries


di Redazione,
October 5, 2018

Guest Editor: Augusto Ninni, Università di Parma

Studi recenti hanno fatto maggiore luce, grazie alle tavole input output armonizzate (WIOD), sulle interconnessioni esistenti fra i paesi e l’emergere di tre “fabbriche” di importanza più che continentale (USA, Cina, Germania) alle quali si collegano, per una parte prevalente degli sbocchi esteri delle loro produzioni industriali, i paesi vicini. Nel caso europeo questo ruolo è quindi svolto dalla Germania, che è stata inoltre per molti anni il più grande esportatore mondiale di manufatti, salvo essere superata a partire dal 2006 dalla Cina. L’analisi delle ragioni del successo tedesco sui mercati mondiali ha messo in luce più volte, tra le altre cose, il ruolo del fattore-qualità del prodotto (nelle sue numerose accezioni) e il ruolo svolto dalle catene globali del valore nel consentire non solo un contenimento dei costi di produzione ma anche un’allocazione in altri paesi di determinate funzioni o la fornitura di determinati input secondo una classica logica di vantaggi comparati.

Leggi tutto

Rubrica: News
Journal
  • ISSN0019-7416
  • Periodicity three-monthly
Agenda

Newsletter

Per restare informati sulle novità editoriali e le iniziative culturali nelle diverse aree di interesse.