Letture al sole: -5% su tutti i libri, spese di spedizione ribassate e invio gratuito oltre € 39 fino al 25 agosto >>> SCOPRI

Copertina Perché l'Europa ha cambiato il mondo

Acquista:

prezzo di copertina € 28,00
a stampa € 26,60
collana "Le vie della civiltà"
pp. 376, Brossura, 978-88-15-38345-7
anno di pubblicazione 2024
nuova edizione

VERA ZAMAGNI

Perché l'Europa ha cambiato il mondo

Una storia economica

Fino al Novecento il progresso economico mondiale era indagato quasi solo dal punto di vista della storia europea e di quella statunitense intesa come una sua appendice di successo; oggi, nuove domande vengono rivolte alla storia. Perché non furono l’Asia o il mondo islamico a produrre la rivoluzione industriale? Nel descrivere le strutture portanti dello sviluppo europeo, e tracciarne una storia di lungo periodo che dal medioevo arriva ai giorni nostri, Vera Zamagni mostra come le peculiarità della civiltà europea sul piano delle istituzioni sociali ed economiche, e soprattutto su quello dei diritti, hanno saputo innescare il progresso in quanto la competizione è stata giocata insieme alla giustizia sociale e alla solidarietà. Questa nuova edizione è aggiornata ai mutamenti intervenuti negli ultimi anni, alla crisi pandemica e alla conseguente crisi economica.

Vera Zamagni insegna Storia economica mondiale nell’Università di Bologna e Evolution of the world economy al SAIS Europe della Johns Hopkins University. Con il Mulino ha pubblicato, fra gli altri, «Dalla periferia al centro» (2003), «L’economia italiana nell’età della globalizzazione» (2018), «Introduzione alla storia economica d’Italia» (2019) «Forme d’impresa» (2020) e «Occidente» (2020).

Introduzione
I. Le civiltà agricolo-mercantili avanzate tra Medioevo ed età moderna
1. Uno sguardo allo sviluppo economico del mondo sul lunghissimo periodo e il ruolo delle istituzioni
2. Un confronto istituzionale fra economie agricole avanzate
II. Dalle città-stato italiane alle esplorazioni geografiche europee
1. Il nuovo sistema cittadino europeo
2. Le esplorazioni geografiche e le grandi compagnie commerciali
III. Perché la Gran Bretagna fu la prima nazione europea a industrializzarsi
1. Nascita di una eccezione: la monarchia parlamentare inglese e il mercantilismo
2. Altre spiegazioni della localizzazione della rivoluzione industriale in Gran Bretagna
3. Caratteristiche della rivoluzione industriale
IV. Modelli di imitazione della rivoluzione industriale inglese e ruolo dello stato
1. I motivi dell’imitazione
2. Una teoria dell’imitazione senza differenze
3. Teorie dell’imitazione con differenze
4. Il ruolo dello stato
V. I principali casi di imitazione in Europa
1. Belgio
2. Francia
3. Germania
4. Impero asburgico
5. Russia
6. Italia
7. Spagna
VI. Il declino inglese e l’emergere di competitori fuori dall’Europa: Stati Uniti e Giappone
1. Il declino della Gran Bretagna
2. La prepotente ascesa degli Stati Uniti
3. Perché il Giappone fu l’unico paese di cultura non europea a decollare nell’Ottocento
VII. Tecnologia, cambiamenti socio-economici e forme d’impresa
1. Le quattro rivoluzioni industriali
2. Forme d’impresa: imprese familiari, corporations e cooperative
3. Una vita sempre più lunga e una famiglia sempre più piccola
VIII. L’economia internazionale tra fine Ottocento e primi del Novecento
1. Mobilità dei beni e dei fattori
2. Evoluzione dei sistemi finanziari
3. Il gold standard
4. Gli effetti del colonialismo sui paesi d’origine
IX. Le conseguenze sociali ed economiche della prima guerra mondiale e gli anni Venti in Europa e Stati Uniti
1. Lo smembramento dell’impero asburgico e la riorganizzazione territoriale dell’Europa
2. Le riparazioni tedesche e l’economia della Germania negli anni Venti
3. Gli anni Venti in Gran Bretagna, Francia e Italia
4. I «ruggenti» anni Venti negli Stati Uniti
X. L’ascesa dell’Unione Sovietica
1. La rivoluzione d’ottobre
2. La Nep
3. La pianificazione sovietica
4. La vittoria della seconda guerra mondiale e le sue conseguenze
XI. La prima grande crisi internazionale
1. Richiami teorici
2. Fatti e interpretazioni
3. Le ripercussioni bancarie
4. Assenza di cooperazione internazionale e tardivo emergere di un pensiero alternativo
XII. Gli anni Trenta e la seconda guerra mondiale
1. Gran Bretagna: gli effetti dell’abbandono del gold standard
2. Germania: la reflazione di Hitler e il riarmo
3. Italia: l’imperialismo straccione
4. Francia: dalla crisi alla disfatta
5. Il New Deal americano
6. La seconda guerra mondiale
XIII. Le conseguenze sociali ed economiche della seconda guerra mondiale e la ricostruzione dell’Europa
1. La presenza americana in Europa dopo la fine della guerra e il piano Marshall
2. Il piano Marshall e gli inizi del processo di integrazione europea
3. Creazione di organismi economici internazionali: Gatt, Fmi e Banca Mondiale
4. La ricostruzione nei quattro principali paesi europei
XIV. L’età dell’oro della crescita europea e il processo di integrazione
1. Miracoli economici: fatti e interpretazioni
2. Il welfare state
3. Il proseguimento del processo di integrazione europea: il trattato di Roma e l’Unione doganale
4. Le successive adesioni
5. La Politica agricola comune (Pac)
6. Dalle politiche regionali e sociali ai fondi strutturali
7. Il sistema monetario europeo (Sme)
8. Politiche industriali e mercato unico
9. Il trattato di Maastricht, la nascita dell’Unione Europea e dell’Unione monetaria (Uem)
XV. Il ritorno dell’instabilità e la seconda grande crisi internazionale
1. I cambiamenti di regime degli anni Settanta
2. Globalizzazione e finanziarizzazione dell’economia mondiale
3. Ascesa del neoliberismo e crisi bancaria americana
4. Come si è evitato un tracollo simile a quello del ’29 indebitando i paesi
5. La crisi dell’euro e i suoi motivi profondi
XVI. Una geopolitica rivoluzionata
1. Dall’Urss alla Federazione Russa
2. Il Giappone dal successo alla stagnazione
3. Le «tigri» asiatiche
4. Il risveglio di due colossi: Cina e India
XVII. I limiti della crescita e nuove crisi
1. Lo scriteriato sfruttamento di risorse naturali e l’inquinamento
2. Le diseguaglianze crescenti
3. La pandemia da Covid-19 e la risposta della UE
4. Il ritorno della guerra in Europa e la crisi energetica
Conclusioni
Indice dei nomi

Leggi anche

copertina Storia dell'Italia contemporanea
copertina Perché ridiamo
copertina Quando l'importante è vincere
copertina Dodici