il Mulino

Copertina Vivere nell'insicurezza

Acquista:

a stampa € 12,00
e-book € 8,49
Formato:  ePub , Kindle
collana "Voci"
pp. 152, Brossura, 978-88-15-29062-5
anno di pubblicazione 2020

GIAN ENRICO RUSCONI

Vivere nell'insicurezza

La tensione tra le grandi potenze, i dissensi sul piano militare, e in particolare i contrasti tra l’Europa e l’America di Trump, tracciano i confini tra sicurezza e insicurezza fino al febbraio 2020. Ma nei mesi seguenti si diffonde inarrestabile in tutto il pianeta la pandemia. La gravità della situazione travalica la dimensione sanitaria per trasformarsi in emergenza economica, sociale e politica. Superando ogni confine la crisi modifica la percezione della sicurezza nel sentire collettivo, ma soprattutto sembra cambiare le relazioni che definivano le condizioni stesse della sicurezza nazionale e internazionale. In gioco è stata ed è la tenuta stessa dell’Europa. La razionalità è l’unica risorsa che abbiamo per contrastare il mondo di insicurezze in cui dovremo vivere.

Gian Enrico Rusconi ha insegnato Scienza politica nell’Università di Torino. Tra i suoi numerosi libri per il Mulino: «Cavour e Bismarck» (2011), «1914: attacco a Occidente» (2014), «Egemonia vulnerabile» (2016), «Dove va la Germania» (2019).

I. Ragionare nell’insicurezza
II. Lo shock pandemico. Conseguenze sullo Stato e sul welfare
III. L’ottica geopolitica: dalla Conferenza sulla sicurezza di Monaco alla cybersicurezza
IV. L’Europa alla prova. Il ruolo di Macron e Merkel
V. Scienza, politica, razionalità

Leggi anche

copertina Hai sbagliato foresta
copertina Un futuro più giusto
copertina Nello specchio della scuola
copertina Est/Ovest
copertina Oltre il gender
copertina Poteri nuovi
copertina Storia della Crimea
copertina La guerra italiana per la Libia
copertina L'algoritmo del mondo
copertina Senza pensarci due volte
copertina Benedetta parola
copertina L'Occidente e la nascita di una civiltà planetaria
copertina Figure di apocalisse
copertina I presocratici. Ritorno alle origini
copertina Elezioni e partiti nell'Italia repubblicana