il Mulino

-30% sui nuovi abbonamenti
con il codice RIVISTA30 fino al 31 gennaio

Copertina Giustizia fascista

Acquista:

a stampa € 27,00
e-book € 18,99
Formato:  ePub , Kindle
collana "Studi e Ricerche"
pp. 288, Brossura, 978-88-15-28769-4
anno di pubblicazione 2020

LEONARDO POMPEO D'ALESSANDRO

Giustizia fascista

Storia del Tribunale speciale (1926-1943)

Il Tribunale speciale per la difesa dello Stato, strumento di repressione politica, fu creato dal fascismo perché, si è sostenuto, non aveva fiducia nella magistratura ordinaria. Ma cosa è stato quest’organo e che ruolo ha avuto nell’assetto istituzionale del regime? In realtà l’obiettivo era una riforma in senso fascista dell’intero sistema della giustizia; il Tribunale speciale voleva essere una specie di prova generale. Alla sua attività contribuirono, insieme ai magistrati militari e ai membri della Milizia, proprio i magistrati ordinari, con le prassi tipiche della magistratura, la loro cultura, ma anche il loro zelo repressivo. Basato su documenti inediti, lo studio indaga il concreto funzionamento del Tribunale e gli esiti, spesso contraddittori, della sua azione, senza trascurare la personalità dei giudici dei quali traccia un penetrante ritratto di gruppo.

Leonardo Pompeo D’Alessandro attualmente ha un incarico di insegnamento presso l’Università Bocconi. Già assegnista di ricerca, prima presso l’Università Sapienza e poi presso la stessa Bocconi, è membro del Consiglio scientifico della Fondazione Gramsci e della redazione della rivista «Le Carte e la Storia».

Introduzione p. 9
I. Alle origini della giustizia fascista
1. Una legislazione per l’“emergenza”
2. Un “giudice speciale” a difesa del regime
3. Una Camera senza opposizione
4. L’ambiguità del Senato
II. Una giustizia “speciale”
1. Nuovi organi, “vecchi” uomini
2. Una falsa partenza: l’istituzione della Commissione istruttoria
3. Un verdetto annunciato: il processo ai comunisti
4. Bilanci e ripensamenti
5. L’apertura ai magistrati ordinari
III. Da speciale a ordinario: la cesura del 1931
1. Tribunali militari e repressione politica: continuità e rotture
2. Militare vs politico? La scelta ibrida del regime
3. Tribunale speciale e nuovo sistema penale: un processo di normalizzazione
4. Il plauso della magistratura e il paradosso della nuova giustizia fascista
5. Un atto scontato: l’approvazione della proroga
IV. Dentro la giustizia fascista
1. La stabilizzazione degli anni Trenta
2. Milizia, magistratura, esercito e carabinieri: un organico composito
3. Magistrati in camicia nera? Una foto di gruppo
4. Lo zelo dei magistrati e la centralità della Procura
V. Difendere lo Stato, difendere la nazione: la guerra e i nuovi nemici
1. La giustizia speciale e il confine orientale
2. L’estensione delle competenze e la proroga del 1941
3. I numeri della repressione giudiziaria: un bilancio complessivo
Indice dei nomi

Leggi anche

copertina Ricordare
copertina I partiti digitali
copertina Diritto pubblico e diritto privato
copertina L'età del lume
copertina Il Gran Consiglio contro gli ebrei
copertina Il protocollo segreto
copertina Frontiera Ucraina
copertina Lezioni di italiano
copertina Le leggi fondamentali della stupidità umana
copertina Le pietre di Gerusalemme
copertina A letto nel Medioevo
copertina Il grande racconto del Mediterraneo
copertina Amarsi
copertina Roma 1922
copertina Benedetto Croce. La biografia I