il Mulino

-30% sui nuovi abbonamenti
con il codice RIVISTA30 fino al 31 gennaio

Copertina Le alternative non esistono

Acquista:

a stampa € 23,00
e-book € 15,99
Formato:  Kindle , ePub
collana "Saggi"
pp. 264, 978-88-15-28646-8
anno di pubblicazione 2020

CLAUDIO GIUNTA

Le alternative non esistono

La vita e le opere di Tommaso Labranca

Tommaso Labranca è morto nell’estate del 2016. Aveva 54 anni. Infarto? Suicidio? I suoi amici hanno opinioni diverse. In ogni caso, non molti si sono accorti della sua morte, perché non molti sapevano chi fosse, al di fuori di una cerchia abbastanza ristretta di addetti ai lavori: scrittori, critici letterari, autori televisivi. Ma i pochi che lo conoscevano pensavano che fosse uno dei più importanti intellettuali della sua generazione, forse il più importante: e se si leggono o rileggono i suoi libri si capisce che avevano ragione. Dall’inizio degli anni Novanta alla metà degli anni Dieci, dagli esordi con Einaudi e dall’invenzione di Anima mia con Fazio e Baglioni alle collaborazioni pagate a pezzo per «Cronaca vera», in questa repentina parabola di caduta Labranca non ha mai smesso di riflettere e di scrivere, in maniera spesso geniale, sulle cose che hanno riempito la nostra vita e il nostro immaginario nell’ultimo mezzo secolo: le canzoni, i film, l’arte contemporanea, la pubblicità, la televisione, e insomma tutto quello sterminato, ubiquo prodotto che va sotto il nome di cultura pop. Questo libro racconta la vita di Tommaso Labranca, spiega che cosa ha pensato e che cosa ha detto nei suoi venticinque anni di lavoro, e attraverso di lui ridescrive da una prospettiva inedita l’interessante, divertente, straziante magma culturale nel quale tutti noi siamo immersi.

Claudio Giunta insegna Letteratura italiana all’Università di Trento. Collabora con il «Sole 24 ore», il «Foglio» e «Internazionale online». Tra i suoi ultimi libri per il Mulino: «Il paese più stupido del mondo» (2010), «Una sterminata domenica» (2013), «Essere #matteorenzi» (2015), «E se non fosse la buona battaglia? Sul futuro dell’istruzione umanistica» (2017).

Introduzione
PARTE PRIMA
Cronologia. Anni Ottanta e Novanta
I. Rogoredo-Capolago
II. Dalle fanzine al trash
III. Pop art is about liking things
IV. Gli altri
V. Chaltron Hescon
PARTE SECONDA
Cronologia. Anni Zero
VI. La nuova forma della vita
VII. Dal pop al popolo
VIII. L’immaginario
IX. Effetto Labranca
X. L’isolazionista
PARTE TERZA
Cronologia. Anni Dieci
XI. Solo freddo vuoto bianco
XII. Fine
XIII. Pantigliate
Appendici
Indice dei nomi

Leggi anche

copertina Internet delle cose
copertina L'Intelligenza Artificiale
copertina Sette modi di dimenticare
copertina L'età del lume
copertina Il Gran Consiglio contro gli ebrei
copertina Il protocollo segreto
copertina Frontiera Ucraina
copertina Lezioni di italiano
copertina Le leggi fondamentali della stupidità umana
copertina Le pietre di Gerusalemme
copertina A letto nel Medioevo
copertina Il grande racconto del Mediterraneo
copertina Amarsi
copertina Roma 1922
copertina Benedetto Croce. La biografia I