Fino al 25 luglio -30% sugli e-book / -5% sui libri
spedizione gratuita per corriere a partire da € 32
.

VERA ZAMAGNI

Occidente

All’indomani della prima guerra mondiale, Oswald Spengler tratteggiava con il «Tramonto dell’Occidente» una società alla sua fase di declino. A distanza di un secolo, questo quadro si ripropone drammaticamente. Eppure, nonostante le tragedie che lo hanno attraversato fino a portarlo quasi alla soglia dell’autodistruzione, l’Occidente ha spinto il mondo verso un progresso culturale, sociale, economico e scientifico-tecnologico, che ha migliorato le vite di miliardi di persone, ed è stato un luogo dove fin dal mito di Ulisse ogni meta raggiunta ha rappresentato uno slancio in avanti e ogni caduta una spinta di rinnovamento. Un dinamismo oggi del tutto svanito?

Vera Zamagni insegna Storia economica all’Università di Bologna e al SAIS Europe della Johns Hopkins University. Tra i suoi recenti libri per il Mulino ricordiamo «Perché l’Europa ha cambiato il mondo» (2015), «L’economia italiana nell’età della globalizzazione» (2018), e «Forme d’impresa. Una prospettiva storico-economica» (2020).

Introduzione. In cerca di una definizione
I. L’identità complessa dell’Occidente
II. I frutti velenosi dell’Occidente
III. Post-Occidente?

Acquista:

a stampa € 12,00
e-book € 8,49
Formato:  ePub , Kindle
collana "Voci"
serie "Parole controtempo"
pp. 128, Brossura, 978-88-15-28643-7
anno di pubblicazione 2020

Leggi anche

copertina Andare per le vie militari romane
copertina Andare per università
copertina Moneta e civiltà mediterranea
copertina La Sanseverino