Letture al sole: -5% su tutti i libri, spese di spedizione ribassate e invio gratuito oltre € 39 fino al 25 agosto >>> SCOPRI

Copertina Il registro

Acquista:

prezzo di copertina € 26,00
a stampa € 24,70
collana "Critica storica. Collana del dipartimento di storia, cultura e storia sammarinesi dell'Università della Repubblica di San Marino"
pp. 344, Brossura, 978-88-15-27982-8
anno di pubblicazione 2018

ANNALISA CAPRISTO , GIORGIO FABRE

Il registro

La cacciata degli ebrei dallo Stato italiano nei protocolli della Corte dei Conti 1938-1943

I circa 700 ebrei italiani che le leggi razziali cacciarono dallo Stato dopo il 1938 erano direttori generali, professori di scuola media, ingegneri e chimici, operai della Zecca, postini e maestre elementari, oltre che, è più noto, professori universitari di fama. «Il registro» ne ricostruisce per la prima volta i nomi, il ruolo professionale e, in diversi casi, i dati biografici. Le fonti sono incontrovertibili: i protocolli e i decreti della Corte dei Conti, che registrarono tutte le decisioni dello Stato italiano al riguardo. Nell’ottantesimo anniversario delle leggi razziste emergono anche le ricadute economiche individuali di quelle espulsioni. In molti casi i perseguitati furono letteralmente ridotti in povertà, ovvero vennero loro corrisposte delle indennità irrisorie, talvolta neppure quelle. Utilizzando lo strumento inedito dei registri dei decreti e incrociandolo con i decreti stessi e con altre fonti, il volume ripercorre capillarmente le procedure che riguardarono ciascun perseguitato. Per la prima volta è possibile capire quale fu all’epoca, a parte la spoliazione dei beni, il generale impoverimento personale degli ebrei italiani dipendenti dallo Stato. Sono stati anche identificati i più di cinquanta che furono deportati e uccisi ad Auschwitz.

Giorgio Fabre è studioso di storia politica del Novecento e ha scritto libri e saggi dedicati alla persecuzioni degli ebrei e all’antisemitismo fascista, da «L’elenco» (Zamorani, 1998), sull’eliminazione degli autori ebrei dall’editoria fascista a «Mussolini razzista» (Garzanti, 2005), sull’antisemitismo del duce. Annalisa Capristo è bibliotecaria presso il Centro Studi Americani di Roma. Sul tema della persecuzione antiebraica ha pubblicato «L’espulsione degli ebrei dalle accademie italiane» (Zamorani, 2002) e diversi articoli e saggi.

Prefazione, di Michele Sarfatti
Introduzione
Il registro
Ministero degli Affari Esteri
Ministero dell’Interno
Ministero delle Colonie (ovvero dell’Africa Italiana)
Ministero di Giustizia
Ministero delle Finanze
Ministero della Guerra
Ministero della Marina
Ministero dell’Aeronautica
Ministero dell’Educazione Nazionale
Ministero dei Lavori Pubblici
Ministero dell’Agricoltura
Ministero delle Comunicazioni
Ministero delle Corporazioni
Quando l’arbitrio prese il posto del diritto, di Adriano Prosperi
Indice dei nomi

Leggi anche

copertina Nel nome di Dreyfus
copertina Perché ridiamo
copertina Quando l'importante è vincere
copertina Dodici