ROBERTO ESCOBAR

Il buono del mondo

Le ragioni della solidarietà

«Se tu vedi un fanciullo, una donna, un vecchio affaticarsi impotentemente per qualche operazione in cui la loro debolezza impedisca loro di riuscire, è impossibile che tu non ti muova a compassione, e non procuri, potendo, di aiutarli. E se tu vedi che tu dai incomodo o dispiacere […] ad alcuno il quale soffre senza poterlo impedire, sei di marmo, o di una irriflessione bestiale, se ti dà il cuore di continuare»

Giacomo Leopardi

Solidarietà, empatia, simpatia, compassione: parole di cui oggi nel discorso pubblico e nel linguaggio della politica si è quasi persa traccia. E questo, proprio mentre milioni di uomini e donne chiedono aiuto attraversando mari e tribolazioni, e mentre la povertà e le diseguaglianze crescono anche nel mondo ricco. Perché entrare in contatto con le emozioni altrui è diventato così difficile? E che cosa accade quando un essere umano le vede e le sente, le emozioni dell’altro? È subito spinto a condividerle, a muoversi in aiuto del prossimo in difficoltà, o per decidersi a farlo ha bisogno di un Dio, di una Verità, di un’Ideologia?

Roberto Escobar insegna Filosofia politica nell’Università di Milano e collabora con «Il Sole 24 Ore». Con il Mulino ha fra l’altro pubblicato «Metamorfosi della paura» (20153), «La paura del laico» (2010), «Eroi della politica. Storie di re, capi e fondatori» (2012), «La fedeltà di Don Giovanni» (2014) e «Totò. Avventure di una marionetta» (20172).

Prologo. In un mondo «già posseduto»
I. Un po' di compassione
II. In Cina, un mandarino...
III. Una grande illusione
IV. Al di sopra della sorte
V. Venire al mondo
Epilogo. Responsabilità
Indice dei nomi

Acquista:

a stampa € 15,00
e-book € 10,99
Formato:  ePub , Kindle
collana "Intersezioni"
pp. 208, 978-88-15-27490-8
anno di pubblicazione 2018

Leggi anche

copertina Ovidio, storie di metamorfosi
copertina Sofocle, l'abisso di Edipo
copertina Occidente
copertina Pitagora, il padre di tutti i teoremi