#iorestoacasa
Il sito internet e il magazzino del Mulino sono pienamente operativi. Faremo del nostro meglio per fornire tutta l’assistenza necessaria; per evadere il più rapidamente possibile l'elevato numero di ordini in arrivo, le domande sui tempi di consegna inviate a diffusione@mulino.it riceveranno risposta solo se la destinazione rientrasse nelle zone a ridotta operatività dei corrieri, soggette a continui aggiornamenti.

Il costo di spedizione per corriere di libri e fascicoli acquistati su www.mulino.it è ridotto da € 5,20 a € 3; l’invio per corriere è gratuito per acquisti di importo superiore a € 32.

PIETRO LI CAUSI

Gli animali nel mondo antico

Che posto occupavano gli animali nell’antichità? Come noi oggi, anche i Greci e i Romani avevano a che fare con cani, cavalli, galline; avevano allevamenti, vivari, acquari, e adottavano pratiche zootecniche. Amavano i loro animali da affezione, mentre ne uccidevano altri e li mangiavano (magari dopo averli sacrificati in onore di una divinità). Conoscevano e usavano animali selvatici o feroci, o esotici come elefanti e pappagalli. Non mancavano, nel loro immaginario, creature aliene che si credeva popolassero paesi lontani, come l’India e l’Etiopia, patrie dei manticora, dei cinocefali e dei grifoni. Quello che per noi sono i dinosauri per loro erano i ciclopi, i pegasi, le chimere, gli uomini-toro. Un affresco suggestivo che restituisce per intero l’esotismo di un mondo scomparso.

Pietro Li Causi insegna materie letterarie presso il Liceo Scientifico «S. Cannizzaro» ed è responsabile dell’unità di ricerca di Palermo del network «GDRI Zoomathia (Transmission culturelle des savoirs zoologiques – Antiquité-Moyen Âge)». Fra le sue pubblicazioni: «L’anima degli animali» (curato con R. Pomelli, Einaudi, 2015) nonché, per Palumbo, «Sulle tracce del manticora» (2003), «Generare in comune» (2008) e «Il riconoscimento e il ricordo» (2012).

Introduzione
I. Di cosa parliamo quando parliamo di animali
1. Di mondi, di cani e di donnole
2. I Greci conoscevano gli animali?
3. Animalia/animantia (e homines) a Roma
II. Le zoologie prima della zoologia
1. Il mito della nascita e della morte della zoologia antica. Il caso di Aristotele
2. Altre zoologie antiche
3. La zoologia filosofica dopo Aristotele (e durante)
4. Classificare gli animali
III. L'anima e la carne. Zoopsicologia e relazioni uomo-animale nel mondo antico
1. Agli albori della zoopsicologia: tutti uguali?
2. Uomini e animali nella zoopsicologia presocratica
3. Zoopsicologia platonica
4. La zoopsicologia di Aristotele
5. Teofrasto, la parentela uomo-animale e altri Peripatetici
6. L'anima degli animali nella filosofia epicurea
7. La frattura stoica: uomini e aloga
8. I partigiani degli animali in età imperiale. Plutarco, Porfirio (ed Eliano)
9. La vittoria (momentanea) dell'antianimalismo
IV. Gli animali nella vita quotidiana in Grecia e a Roma
1. L'animale come cibo e come investimento. L'allevamento in Grecia e a Roma
2. Gli animali nel sacrificio e nella divinazione
3. La caccia nel mondo antico
4. Gli spettacoli con gli animali in Grecia e a Roma
5. Animali in guerra
6. Animali, magia e medicina
7. Animali da compagnia in Grecia e a Roma
V. Gli animali avevano un'origine?
1. Paleontologia antica?
2. Le teorie colte sull'origine delle specie
3. Ibridazione e speciazione. Le posizioni di Aristotele e Lucrezio
VI. Bestie lontane. Animali delle periferie del mondo e mostri mitici sopravvissuti
1. Oltre le frontiere della realtà
2. Dal noto all'ignoto. Il ruolo delle similitudini e delle metafore nella costruzione del sapere sulle faune esotiche
3. Il determinismo climatico-ambientale in Grecia e a Roma
4. Le esplorazioni geografiche e i loro effetti
5. Nelle periferie del mondo
6. Il passato che non muore mai: gli animali del mito nelle eschatiai
Riferimenti bibliografici
Indice degli animali

Acquista:

a stampa € 20,00
collana "Le vie della civiltà"
pp. 272, 978-88-15-27428-1
anno di pubblicazione 2018

Leggi anche

copertina Il mondo di Woody
copertina Amarcord Fellini
copertina Le viaggiatrici del Grand Tour
copertina Io, il popolo