PHILIP KOTLER

Democrazia in declino

Capire gli USA per capire l'Italia

Secondo Winston Churchill la democrazia è «il peggior sistema di governo a eccezione di tutti gli altri». Un’affermazione paradossale per dire che è invece il sistema migliore, quello che offre maggiori garanzie di uguaglianza e di giustizia per tutti. Eppure in America, così come in altri paesi, la democrazia sembra avere perso attrattiva. E se la vittoria elettorale di Donald Trump è un segno evidente di questo stato di cose, molti altri sintomi, meno clamorosi ma non meno preoccupanti, si erano manifestati da tempo. Come siamo potuti arrivare a questo punto? E soprattutto, cosa possiamo fare per arrestare il declino della democrazia? Per trovare una risposta a questo interrogativo Philip Kotler, padre del marketing moderno, ha provato a immaginare che la democrazia sia un prodotto e che noi cittadini ne siamo i consumatori disaffezionati. Ha individuato quelli che a suo avviso sono i quattordici punti deboli del «prodotto» e ha cercato di proporre soluzioni per renderlo nuovamente interessante ai nostri occhi; nel contempo, ha offerto una lucida riflessione sulla politica e sulla società americane che – come sottolinea Federico Mioni nell’introduzione all’edizione italiana – aiuta a capire perché anche in Italia il populismo rischi di avere la meglio sulla democrazia.

Definito dal «Financial Times» uno dei quattro pensatori di management più autorevoli di tutti i tempi, Philip Kotler è professore di International Management alla Kellogg School of Management della Northwestern University di Evanston, Illinois. Ha dato un contributo importantissimo alla strutturazione del marketing come disciplina scientifica ed è autore di numerosi volumi, molti dei quali tradotti in italiano: il suo «Marketing Management» (la cui prima edizione risale al 1967) è uno dei testi più autorevoli nella letteratura manageriale, e tuttora un grande punto di riferimento. Kotler ha anche avviato fra i primi le ricerche sul «marketing sociale». Ha svolto numerosissime attività di consulenza per le multinazionali più importanti del mondo e per molte altre imprese.

Federico Mioni è il direttore di Federmanager Academy e docente alla Link Campus University (Roma). Ha condotto ricerche presso le Università di Princeton e della Virginia, la Library of Congress di Washington e la Massachusetts Historical Society di Boston, è stato Visiting Professor presso la John Marshall Law School di Chicago e docente all’Università di Parma. Autore e/o curatore di una ventina di saggi e volumi, ha vinto il Premio Roberto Ruffilli e il premio del Centro di Studi Americani di Roma.

Dall'America all'Italia: una riflessione sulla «post democracy», di Federico Mioni
Avvertenze per la lettura
Introduzione. Le sfide alla democrazia in un mondo in costante evoluzione
I. Perché la democrazia non funziona bene in America o in altri paesi
II. Riformare le elezioni
III. Riformare il Congresso
IV. Riformare il potere esecutivo
V. I partiti politici sono troppo rigidi?
VI. Cosa fare per riportare la democrazia nel mondo

Acquista:

a stampa € 16,00
collana "Fuori collana"
pp. 184, Brossura, 978-88-15-27403-8
anno di pubblicazione 2017

Leggi anche

copertina Le donne di Dante
copertina Eva, la prima donna
copertina Donne d'avanguardia
copertina Ei fu