#iorestoacasa
Il sito internet e il magazzino del Mulino sono pienamente operativi. Faremo del nostro meglio per fornire tutta l’assistenza necessaria; per evadere il più rapidamente possibile l'elevato numero di ordini in arrivo, le domande sui tempi di consegna inviate a diffusione@mulino.it riceveranno risposta solo se la destinazione rientrasse nelle zone a ridotta operatività dei corrieri, soggette a continui aggiornamenti.

Il costo di spedizione per corriere di libri e fascicoli acquistati su www.mulino.it è ridotto da € 5,20 a € 3; l’invio per corriere è gratuito per acquisti di importo superiore a € 32.

MARIA SERENA MAZZI

Donne in fuga

Vite ribelli nel Medioevo

«Si può fuggire inseguendo un miraggio, una speranza di vita e di lavoro migliore. Si voltano le spalle a mariti violenti. Si schiude il battente di un convento nel quale non si voleva entrare e dove ogni giorno impone la sua pena. Si tenta di andare lontano da creditori e sfruttatori. Si scappa dalle case altrui, dalla servitù e dalla schiavitù, dalle mani rapaci dei padroni, dalla mancanza di diritti. Oppure si abbandona una casa, una famiglia, per tentare la sorte in un altrove indefinito, per un richiamo di curiosità, per non rimirare ogni giorno lo stesso limitato orizzonte»

Nel Medioevo le donne vivevano in una rigida sottomissione. Non assecondare la volontà della famiglia, non ubbidire agli uomini, padri, mariti o padroni, manifestare indipendenza di giudizio o di comportamento facevano di loro delle ribelli. Ma non sono mancate sante, regine, badesse, semplici monache, umili contadine, serve, schiave, eretiche, streghe, prostitute che hanno scelto di sottrarsi a destini segnati, resistendo, opponendosi, fuggendo. Donne decise a viaggiare, conoscere, insegnare, lavorare, combattere, predicare. O semplicemente a difendersi da un marito violento, da un padrone brutale. O a salvarsi la vita, scampando ai roghi dell’Inquisizione. Da Margery Kempe a Giovanna d’Arco, da santa Brigida a Eleonora d’Aquitania, alle tante ignote o dimenticate donne in fuga verso la libertà.

Maria Serena Mazzi è professore ordinario di Storia medievale; ha insegnato nelle Università di Firenze e Ferrara. Tra i suoi libri: «Prostitute e lenoni nella Firenze del Quattrocento» (Il Saggiatore, 1991), «Toscana bella» (Paravia, 1999), «Gente a cui si fa notte innanzi sera» (Viella, 2003); «Come rose d’inverno» (2004) e «I labirinti del potere» (2010), entrambi per Nuovecarte; per il Mulino «In viaggio nel Medioevo» (2016).

Premessa
I. Uscire dai limiti
1. Donne «stravaganti»
2. Per non arrendersi
3. Mistiche e visionarie
II. Nella buona e nella cattiva sorte
1. Il buon matrimonio
2. Una fanciulla altolocata e tenace
3. Spose infelici
4. «Per paura e per ubbidienza»
5. Povere donne
III. Recluse
1. Gli istituti religiosi
2. Per loro o contro di loro?
3. Oltre l'ortodossia: le eretiche
4. Chi ha paura delle streghe?
IV. Via dai padroni
1. «Una vita a servizio dei ricchi»
2. «Son femine bestiali»
3. Il prezzo della libertà
Infine

Acquista:

a stampa € 14,00
e-book € 9,99
Formato:  ePub , Kindle
collana "Intersezioni"
pp. 184, 978-88-15-27147-1
anno di pubblicazione 2017

Leggi anche

copertina Generazione TVB
copertina Il cervello in amore
copertina Noi e la matematica
copertina Le parole del cuore