il Mulino

Copertina Profili giuridici ed economici della contrattazione di rete

Acquista:

a stampa € 24,00
collana "Collana di studi giuridici dell'Unitelma Sapienza"
pp. 272, Brossura, 978-88-15-27087-0
anno di pubblicazione 2017

VALERIO MAIO, MARCO SEPE (a cura di)

Profili giuridici ed economici della contrattazione di rete

La contrattazione di rete costituisce con ogni probabilità la più rilevante occasione di ammodernamento offerta in questi ultimi anni al capitalismo italiano. Non a caso il contratto di rete ha saputo conquistare in breve tempo uno spazio significativo nell’economia reale, come testimoniano i numeri in crescita, ancor più sorprendenti se considerati all’interno di un generale contesto economico per lo più incline alla depressione. L’esperienza applicativa, nazionale e sovranazionale, ha messo in evidenza come l’organizzazione reticolare può certamente contribuire ad accrescere la competitività delle aziende, proprio perché propone un’aggregazione di tipo «elettivo» ed un modello evoluto di impresa capace di miscelare forme concrete di sharing economy, senza cessione della titolarità di impresa e senza i condizionamenti territoriali tipici, ad esempio, dell’economia dei distretti industriali. Come ogni occasione, però, anche il contratto di rete corre il rischio di non realizzare tutte le proprie indubbie potenzialità e di non riuscire, pertanto, a contribuire appieno al rilancio della capacità innovativa e della competitività delle imprese italiane. I contributi ordinati in questo volume, dopo aver sondato le ragioni economiche e giuridiche di una iniziale disaffezione verso l’istituto, vogliono indicare una via possibile perché il disappunto non si trasformi in rammarico.

Valerio Maio è professore ordinario di Diritto del lavoro nell’Università degli Studi di Roma «Unitelma Sapienza», dove dirige il Master in Organizzazione e Innovazione delle Pubbliche Amministrazioni. È relatore a convegni e autore di monografie e pubblicazioni scientifiche sui temi della contrattazione collettiva, della rappresentanza sindacale, dei contratti di lavoro, delle riforme del mercato del lavoro, fra cui «Contratto collettivo e norme di diritto», segnalato nel 2008 quale «Libro dell’anno nella scienza giuridica» dall’Istituto Luigi Sturzo - Club dei giuristi. Marco Sepe è professore ordinario di Diritto dell’economia nell’Università degli Studi di Roma «Unitelma Sapienza». Notaio, già coadiutore nell’area Vigilanza della Banca d’Italia e avvocato dell’Ufficio Italiano dei Cambi, ricopre l’incarico di membro del Consiglio degli esperti presso l’Unità di Informazione Finanziaria ed è Presidente dell’Organismo Indipendente di Valutazione presso il Ministero della Salute. È autore di tre monografie e oltre settanta pubblicazioni in tema di diritto dell’economia, con specifico riguardo al settore bancario e finanziario.

Introduzione, di Valerio Maio e Marco Sepe
I. Autonomia negoziale e contratto di rete. Alcune considerazioni in ordine ai profili soggettivi e all'inquadramento nell'ambito dei contratti plurilaterali, di Gaetano Edoardo Napoli
II. Il contratto di rete: profili giuridici connessi alla costituzione di un autonomo centro di imputazione d'interessi in assenza di soggettività, di Silvia Mele
III. Contratto di rete e rapporto di lavoro: responsabilità disgiunta, derogabilità dello statuto protettivo e frode alla legge, di Valerio Maio
IV. Verso un contratto di rete europeo? La proposta italiana e la prospettiva del diritto europeo dei contratti, di Gabriella Mazzei
V. Le strutture di governance nelle reti di imprese, di Peter Krebs e Stefanie Jung
VI. Le reti di imprese per lo sviluppo del Made in Italy sui mercati internazionali, di Giulio Maggiore e Donatella Fortuna
VII. Il "valore aggiunto" del contratto di rete: quali opportunità per il rilancio delle PMI, di Giulio Maggiore
VIII. Manager di rete di imprese e leadership innovativa, di Sergio Marchesini, Oliviero Casale e Piero Mignardi

Leggi anche

copertina L'Occidente e la nascita di una civiltà planetaria
copertina Figure di apocalisse
copertina Supersocietà
copertina Tifo