Letture al sole: -5% su tutti i libri, spese di spedizione ribassate e invio gratuito oltre € 39 fino al 25 agosto >>> SCOPRI

Copertina I gesuiti e i papi

Acquista:

prezzo di copertina € 20,00
a stampa € 19,00
e-book € 14,99
Formato:  ePub , Kindle
collana "Quaderni dell'Istituto storico italo-germanico in Trento"
pp. 224, Brossura, 978-88-15-26660-6
anno di pubblicazione 2017

MICHELA CATTO, CLAUDIO FERLAN (a cura di)

I gesuiti e i papi

La Compagnia di Gesù nasceva nell’Europa lacerata dalle guerre e percorsa dal millenarismo, dal profetismo, dal radicalismo, scegliendo di porsi a fianco del papa per riconquistare i paesi passati al protestantesimo ed evangelizzare i mondi d’oltremare. Nonostante lo speciale voto di obbedienza circa missiones, che la fece rappresentare come l’esercito della Santa Sede, agguerrito e pronto ad andare ovunque ve ne fosse il bisogno, numerosi sono gli scontri nella storia tra i gesuiti e i papi. Un ordine religioso che nasceva mettendosi a servizio del pontefice ma che proprio da un papa (Clemente XIV, 1773) sarebbe stato soppresso con il pretesto che la sua presenza ostacolava la pace vera e durevole nella Chiesa. La Compagnia di Gesù avrebbe dunque dovuto smettere di esistere, ma continuò a vivere in piccole enclaves europee e non. Di nuovo per volontà del capo della Chiesa l’ordine rinacque (Pio VII, 1814), pronto a rimettersi al fianco di Roma e a difenderne le posizioni più conservatrici, divenendo il simbolo della restaurazione in Europa e il principale ostacolo a ogni forma di incontro tra cultura cristiana e mondo moderno: la democrazia, il liberalismo, le nuove scoperte biologiche. Ancora una volta la Compagnia sarebbe diventata il centro capace di contenere intransigenti e moderati, intellettuali conservatori e moderni, evoluzionisti, e molti altri opposti, così com’era stato al momento della sua nascita e della sua storia di età moderna. E ancora una volta generando conflitti e conciliazioni, sopravvivenze e rinnovamenti della tradizione e dell’esperienza religiosa che alimentarono contrasti con il papato, particolarmente gravi ai tempi di Giovanni Paolo II.

Michela Catto è ricercatore presso il Dipartimento di Educazione e Scienze umane dell'Università di Modena e Reggio Emilia, già ricercatore presso il Centro per le Scienze Religiose della Fondazione Bruno Kessler di Trento. Si occupa della mediazione dei gesuiti nella conoscenza dei nuovi mondi e nella formazione del pensiero europeo di età moderna. Claudio Ferlan è ricercatore presso l’Istituto Storico Italo-Germanico della Fondazione Bruno Kessler di Trento. Si occupa della storia della cultura missionaria gesuitica in Europa e nel Nuovo mondo.

Introduzione, di Michela CATTO e Claudio FERLAN
I gesuiti e i papi nel Cinquecento tra crisi religiosa e Controriforma, di Guido MONGINI
La controversia sul culto a Confucio ai tempi di Benedetto XIV e la «scomparsa» dell'ateismo, di Michela CATTO
I gesuiti tra Santa Sede e Casa d'Austria ai tempi della soppressione, di Claudio FERLAN
Ritorno alle missioni. Jan Philip Roothaan, Gregorio XVI e le missioni della «Nuova» Compagnia di Gesù, di Emanuele COLOMBO e Marco ROCHINI
I gesuiti e i discorsi dei papi. L'allocuzione di Pio XI alle ostetriche del 1951, di Lucia POZZI
Dall'azione sociale al cristianesimo della liberazione. Cenni sulla vicenda dei gesuiti in America Latina nell'epoca di Arrupe, di Silvia SCATENA
Pedro Arrupe e la Santa Sede, di Gianni LA BELLA
Indice dei nomi

Leggi anche

copertina Perché ridiamo
copertina Quando l'importante è vincere
copertina Dodici
copertina Vite formidabili