il Mulino

BLACK WEEK: FINO AL 25 NOVEMBRE
-5% E CONSEGNA GRATUITA SU TUTTO IL CATALOGO, NOVITA' COMPRESE

Copertina Tornare in Italia

Acquista:

a stampa € 20,00
e-book € 14,99
Formato:  ePub , Kindle
collana "Monografie dell'Istituto storico italo-germanico in Trento"
pp. 240, Brossura, 978-88-15-26441-1
anno di pubblicazione 2016

SIMONE ATTILIO BELLEZZA

Tornare in Italia

Come i prigionieri trentini in Russia divennero italiani (1914-1920)

Il libro ricostruisce le vicende dei soldati trentini che, arruolati dall’esercito austro-ungarico durante la Prima guerra mondiale, caddero prigionieri sul fronte russo. La Russia zarista, nel tentativo di sfruttare le divisioni nazionali dell’Impero asburgico, propose loro di dichiararsi cittadini italiani e di essere inviati in Italia per combattere contro la loro vecchia patria. Dal 1916 il governo italiano accolse parzialmente questa strategia e inviò una missione militare in Russia per il recupero di questi italiani irredenti. Tali politiche generarono numerosi dubbi e riflessioni nei trentini, che fino ad allora si erano riconosciuti principalmente in una piccola comunità corrispondente al loro paese o al massimo alla regione. Alcuni, attraverso l’esperienza della prigionia e dell’arruolamento nei Battaglioni neri schierati contro i sovietici, acquisirono un forte senso di appartenenza italiana e andarono poi a costituire lo zoccolo duro del regime fascista nel Trentino italiano. Altri invece, sfuggiti ai processi di italianizzazione dei campi di prigionia, rimasero fedeli, più che agli Asburgo, alla propria piccola patria trentina. La ricerca è basata sull’analisi di decine di diari e memoriali scritti dagli stessi soldati: questi documenti riportano le avventure quasi epiche dei prigionieri che conobbero tanto la campagna russa quanto il freddo siberiano, tanto il regime nato dalla Rivoluzione d’ottobre quanto le strane usanze delle popolazioni asiatiche incontrate nel viaggio di ritorno. Da tutti emerge il ruolo della religione cattolica come elemento centrale delle identità personali e collettive, e come bussola per orientarsi nell’incontro con l’altro.

Simone Attilio Bellezza collabora con le Università di Trento e del Piemonte Orientale, dove insegna Storia dell’Europa orientale. Si occupa principalmente di storia dell’Ucraina.

INTRODUZIONE: A cosa servono gli anniversari?
1. Una storiografia europea?
2. Un movimento nazionale trentino?
3. Un'anabasi e tre catabasi
CAPITOLO PRIMO: Dire addio alla patria
1. Scritture personali
2. La chiamata dell'imperatore: mobilitazione e tristezza
3. L'esperienza della violenza
4. Il dilemma della cattura
5. Un «vero calvario»
6. Il campo della fame
7. Dove andavano a finire gli italiani
CAPITOLO SECONDO: «Tornare al proprio posto»
1. «La scelta degli elementi buoni»
2. «Qua si tratta di scappare alla morte»
3. Campi di auto-educazione patriottica
4. «La nostra fede»
5. Giornalismo e memoria
CAPITOLO TERZO: Fare il giro del mondo
1. Dannose influenze e preparazione degli animi
2. «Una doccia fredda»: l'incertezza verso la proposta italiana
3. «Ma perché non ci informano meglio?»: conversioni all'italianità
4. «Il loro supremo desiderio di combattere per l'Italia»
5. «Quasi mi pento di aver firmato quel maledetto foglio»
CAPITOLO QUARTO: «Tornare al paesello nativo»
1. «Escluderli dal vettovagliamento caldo, freddo e del tè»
2. «E allora potremo gridare viva L'Austria»
3. «Traditi e angariati da quelli stessi che a parole si proclamavano i protettori dei poveri»
4. «Individui sospetti e pericolosi»
CONCLUSIONI: Chiesa e patria
1. Osservazioni partecipate
2. «De religion i è Ortodossi / Superstizion fin en tei ossi»
3. Dall'alto e dal basso
Bibliografia
Indice dei nomi

Leggi anche

copertina Le pietre di Gerusalemme
copertina A letto nel Medioevo
copertina Amarsi
copertina Note che raccontano la storia