AMALIA GALDI

Benedetto

Personalità fra le più significative nella storia della Chiesa, fondatore dell’ordine monastico che ne ha preso il nome, Benedetto da Norcia (ca. 480-547) ha indirizzato in maniera decisiva la storia del monachesimo occidentale. Questo profilo ne ripercorre la vicenda, dalle fondazioni monastiche di Subiaco e Montecassino alla Regola che egli dettò per i monaci cassinesi. Sono inoltre illustrate le testimonianze liturgiche, iconografiche e letterarie del culto del santo nei secoli medievali e, infine, è affrontata la mai risolta contesa sul possesso delle sue reliquie.

Amalia Galdi è professore associato di Storia medievale nell’Università di Salerno, dove insegna anche Storia delle istituzioni medievali. Tra i suoi libri: «Santi, territori, poteri e uomini nella Campania medievale (secc. XI-XII)» (2004).

PARTE PRIMA: L'UOMO, LA REGOLA, LE FONDAZIONI MONASTICHE
I. Tra storia e agiografia: la biografia di un predestinato
1. La scelta monastica
2. Da eremita ad abate
3. A Montecassino
4. La fine della vita
II. La Regola
1. I precedenti
2. La Regola di Benedetto
3. La diffusione della Regola
III. I monasteri di Benedetto: Montecassino e Subiaco
1. Il «sacro monte» nell'alto medioevo
2. Montecassino tra l'«età d'oro» e il tramonto del medioevo
3. Subiaco
PARTE SECONDA: CULTO, RELIQUIE, ICONOGRAFIA
IV. Il culto a Montecassino e Subiaco
1. Il culto cassinese da Petronace a Teobaldo
2. Benedetto e Montecassino nell'età dell'abate Desiderio
3. Il culto a Subiaco
V. Benedetto visto e raccontato
1. «Immagini» di Benedetto
2. L'iconografia e le reliquie
3. La letteratura
VI. Reliquie contese
1. Fleury
2. Montecassino
3. Oltre il medioevo: le ricognizioni delle reliquie
Letture consigliate
Indice dei nomi

Acquista:

prezzo di copertina € 14,00
a stampa € 13,30
e-book € 9,99
Formato:  ePub , Kindle
collana "Universale Paperbacks il Mulino"
pp. 176, 978-88-15-26354-4
anno di pubblicazione 2016

Leggi anche

copertina Tre storie gotiche
copertina Mentire
copertina Il papato nel Medioevo
copertina Luigi XIV e la Francia del suo tempo