Letture al sole: -5% su tutti i libri, spese di spedizione ribassate e invio gratuito oltre € 39 fino al 25 agosto >>> SCOPRI

Copertina C'è un lettore in questo testo?

Acquista:

prezzo di copertina € 23,00
a stampa € 21,85
disponibile in 10-15 giorni
collana "Percorsi"
pp. 280, Brossura, 978-88-15-25991-2
anno di pubblicazione 2017

GIOVANNA RIZZARELLI, CRISTINA SAVATTIERI (a cura di)

C'è un lettore in questo testo?

Rappresentazioni della lettura nella letteratura italiana

Ogni civiltà letteraria ha provato a immaginare e descrivere i propri destinatari, oltre che a provocarli, istruirli, formarne i gusti e le attese, attraverso un processo circolare in cui le pratiche di lettura sono divenute oggetto di rappresentazione così come i lettori di carta hanno modellato quelli reali. Questo libro trova la sua premessa teorica principale nell’idea che, anche nell’ambito degli studi di storia della lettura, occorra tornare a interrogarsi su come il mondo del lettore rientri nel mondo del testo in forma di immagini, narrazioni e scelte retoriche che meritano analisi specifiche. Muovendosi attraverso un arco diacronico esteso – da Dante al modernismo – i saggi qui raccolti provano a raccontare le diverse vite storiche della figura del lettore, sia esso un lettore semplice, uno scrittore che si autorappresenta alle prese con i libri o una comunità che fa della lettura un’esperienza collettiva. I rispecchiamenti a distanza, reperibili osservando testi nati in epoche diverse, offrono la conferma dell’esistenza di uno sfaccettato mondo immaginario dedicato alla lettura, che nel corso dei secoli ha espresso ansie e pulsioni perduranti per la cultura letteraria. Interrogare dunque alcuni casi modello consente di intravedere la multiforme rete di relazioni che mette in comunicazione testi, autori e generi lontani nel tempo ma accomunati dalla necessità di tratteggiare il ritratto di un personaggio dal quale nessun testo sembra poter prescindere: il lettore.

Giovanna Rizzarelli è ricercatrice alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Si occupa principalmente di letteratura italiana del XVI, XVII e XX secolo. Ha pubblicato saggi e volumi su Boiardo, Bembo, Ariosto, Doni, Marino e Italo Calvino. Per Il Mulino ha curato «Dissonanze concordi. Temi, questioni e personaggi attorno a Anton Francesco Doni» (2013). Cristina Savattieri è Marie Sk?odowska-Curie Fellow alla University of Edinburgh. Ha lavorato all’Università di Pisa, all’Università per Stranieri di Siena e alla Freie Universität Berlin come Alexander von Humboldt Research Fellow. Ha pubblicato saggi su Gadda, Svevo, Pirandello, Ortese, la narrativa modernista, le teorie e le pratiche del tragico moderno.

Introduzione, di Giovanna Rizzarelli e Cristina Savettieri
I. L' 'invenzione' del lettore in Dante, di Elena Lombardi
II. «Legere quod scripserunt primi, scribere quod legant ultimi»: itinerari della lettura (e della scrittura) tra Petrarca e Boccaccio, di Igor Candido
III. Leggere e rileggere discorsi amorosi: processi della lettura tra lirica ed epistolografia rinascimentale, di Federica Pich
IV. Leggere conversando. La lettura come esperienza collettiva nei dialoghi del Cinquecento, di Giovanna Rizzarelli
V. «I fantasmi di una lettura gioconda». Materiali per una fenomenologia letteraria del lettore secentesco, di Fabrizio Bondi
VI. New readers for a new genre: the Italian novel and its readers in eighteenth-century Venice, di Ann Hallamore Caesar
VII. La femme est comme un livre: Casanova lettore libertino nell'Histoire de ma vie, di Francesca Fedi
VIII. Lettura e lettrici dentro il romanzo: il tema dell'identificazione letteraria nel romanzo italiano di fine Ottocento, di Olivia Santovetti
IX. Fine del contagio mimetico: leggere (e scrivere) in Pirandello e Svevo, di Cristina Savettieri
Riferimenti bibliografici
Indice dei nomi
Gli autori

Leggi anche

copertina Un'etica del lettore
copertina Motivazione e apprendimento
copertina Corso di psicologia dello sviluppo
copertina Perché ridiamo