GIAN LUIGI BECCARIA, ANDREA GRAZIOSI

Lingua madre

Italiano e inglese nel mondo globale

Nella comunicazione globale, l’italiano è destinato a perire, rimanendo solo la lingua dei sentimenti? Oppure può convivere proficuamente insieme all’inglese e ad altre lingue secondo il principio che «più si è mescolati più si è ricchi»?

>> Guarda il booktrailer

L’Italia vive da tempo una questione della lingua che tocca problemi d’identità e orgoglio nazionali. Ma il dominio dell’inglese è ormai un dato di fatto. Il linguaggio quotidiano ne fa un uso disinvolto e invasivo, mentre sempre più numerosi sono i corsi universitari tenuti in lingua inglese. Che cosa implica per il nostro patrimonio culturale l’ascesa dell’inglese come lingua veicolare? Un destino di subalternità? O viceversa l’opportunità di un arricchimento? Sul tema discutono uno storico contemporaneo e un italianista. Il primo prende atto del tramonto delle lingue nazionali come lingue scientifiche, ma coglie in questo processo anche la possibile, vitale affermazione di un plurilinguismo europeo. Il secondo difende con vigore l’uso dell’italiano a tutti i livelli, come dispositivo utile a promuovere una comunicazione diffusa e non solo d’élite.

Gian Luigi Beccaria, professore emerito nell’Università di Torino, dove ha insegnato Storia della lingua italiana, è accademico della Crusca e dei Lincei. Tra i suoi volumi: «Mia lingua italiana» (2011), «Alti su di me. Maestri e metodi, testi e ricordi» (2013), editi da Einaudi, e «L’italiano in 100 parole» (2014), edito da Rizzoli. Andrea Graziosi è professore di Storia contemporanea nell’Università di Napoli Federico II. Con il Mulino ha pubblicato, oltre a numerosi libri dedicati all’Urss, «L’università per tutti» (2010) e da ultimo «Grandi illusioni» (con G. Amato, 2013).

Premessa
La nuova questione della lingua in Italia, di Andrea Graziosi
Lingua madre, di Gian Luigi Beccaria

Acquista:

a stampa € 11,00
e-book € 7,99
Formato:  ePub , Kindle
collana "Contemporanea"
serie "Bianconero. La battaglia delle idee"
pp. 128, Brossura, 978-88-15-25722-2
anno di pubblicazione 2015

Leggi anche

copertina A colpi di tweet
copertina Essere #matteorenzi
copertina Donne medievali
copertina Il grande racconto di Roma antica e dei suoi sette re