SALVATORE NATOLI

Perseveranza

Incostanza e mutamenti repentini di vita privata e pubblica non lasciano molto spazio alla perseveranza. Che pure orienta i nostri destini a vari livelli: quando ci si applica per portare a termine gli studi o un progetto in cui si crede, o, su un piano più alto, quando si lotta per una società più giusta nonostante le smentite della storia ci spingano ad abbandonare l’idea. Ma che cosa motiva questa virtù, a volte fino al sacrificio personale? Forse la risposta va cercata, appunto, in quella scia di sacro che sembra indissociabile dalla parola. Perseveranza, ovvero come saldare la realizzazione di sé e il bene di tutti.

Salvatore Natoli ha insegnato Filosofia teoretica nell’Università degli studi di Milano-Bicocca e Storia delle idee nell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Fra i suoi ultimi libri «Nietzsche e il teatro della filosofia» (Feltrinelli, 2011).

Introduzione. Speranza e perseveranza
I. Perseveranza, parola scomparsa
II. Perseverare, perché?
III. La perseveranza e il suo vizio antagonista: l'accidia

Acquista:

a stampa € 12,00
e-book € 8,49
Formato:  ePub , Kindle
collana "Voci"
serie "Parole controtempo"
pp. 144, 978-88-15-24799-5
anno di pubblicazione 2014

Leggi anche

copertina Frugalità
copertina Pazienza
copertina Silenzio
copertina Un paese di romantici briganti