PIERO AMERIO

L'altro necessario

Contro la solitudine della società moderna

Come nasce il soggetto moderno capace di rappresentazione di sé in prima persona? Possiamo farne a meno senza perdere i fondamenti di una vita associata basata sul reciproco riconoscimento e sulla responsabilità di ciascuno? Che cosa comportano nel «divenire persona» e nella definizione di sé le relazioni con gli altri? Dobbiamo subire un’ individualizzazione che ci fa «soli» o perderci in una «società liquida», oppure il soggetto-persona può recuperare risorse socio-cognitive a sostegno di diverse speranze progettuali? Partendo da questi interrogativi, nell’ottica di una psicologia sociale aperta al dialogo con il pensiero filosofico e attenta alle pratiche sociali, l’autore fornisce un’avvincente lettura delle sfide che l’individuo deve affrontare nel presente contesto della globalizzazione politica ed economica.

Piero Amerio, professore emerito di Psicologia sociale, ha insegnato Psicologia sociale e Psicologia di comunità nell’Università di Torino, dove tuttora opera nel Dipartimento di Psicologia. Con il Mulino ha pubblicato: «Psicologia di comunità» (2000); «Fondamenti di psicologia sociale» (2007) e «Giovani al lavoro. Significati, prospettive e aspirazioni» (2009).

Introduzione
I. Il problema dell'altro
II. Esseri umani e persone
III. La persona in carne ed ossa
IV. L'uno e l'altro nelle vicende del riconoscimento
V. "Finis personae". Psicologia e politica dell'altro negato
VI. Le trappole della normalità
VII. Lavoro e legami sociali
VIII. Scenari globali e vite personali
Riferimenti bibliografici
Indice dei nomi

Acquista:

a stampa € 23,00
e-book € 15,99
Formato:  Kindle , ePub
collana "Saggi"
pp. 288, 978-88-15-24544-1
anno di pubblicazione 2013

Leggi anche

copertina I classici del pensiero sociologico
copertina Le sette parole di Cristo
copertina Hereford
copertina Cassa Depositi e Prestiti