Letture sotto il sole: -5% sui libri e invio gratuito da € 39 fino al 25 agosto >>> SCOPRI

Copertina Migrazione economica e contratto di lavoro degli stranieri

Acquista:

prezzo di copertina € 20,00
a stampa € 19,00
e-book € 14,99
Formato:  Kindle , ePub
collana "Percorsi"
pp. 232, Brossura, 978-88-15-24198-6
anno di pubblicazione 2013

LAURA CALAFà

Migrazione economica e contratto di lavoro degli stranieri

Confine è la rappresentazione del «solco», la forma della sovranità dello Stato nazione nato dalla disgregazione degli imperi coloniali, chiuso all’interno di frontiere proprie. Confine ha molte connotazioni; con riguardo alla migrazione economica è l’altra faccia del movimento o, se si preferisce, della mobilità e può essere tradotto in istituti giuridici diversi. È al paradigma del confine come metafora della barriera che s’ispira questa ricerca, sviluppando le suggestioni di segno opposto alla virtuosa relazione tra cittadinanza e lavoro, a livello dell’Unione europea e a livello nazionale. Il tema trattato rende evidente che le questioni lavoristiche classiche (il contratto di lavoro, il funzionamento del mercato della manodopera) non possono essere disgiunte dalla valutazione di contesto europeo di riferimento, non tanto e non solo per le trasposizioni di direttive più recenti da portare a sistema (direttiva rimpatri, sanzioni, permessi). Ma soprattutto perché la prima, concreta, fase d’influenza del diritto dell’Unione sul diritto nazionale in materia di migrazione per ragioni di lavoro può considerarsi aperta e consentirà di misurare l’impatto delle cosiddette «politiche di prossimità» elaborate a livello sovranazionale anche con il concorso dei governi nazionali che si sono succeduti dal 1999, anno delle Conclusioni di Tampere, ad oggi.

Laura Calafà è professore associato di Diritto del lavoro e di Diritto del lavoro dell’Unione europea nell’Università di Verona. Tra le sue pubblicazioni: «Congedi e rapporto di lavoro» (Cedam, 2004); «Paternità e lavoro» (a cura di, Il Mulino, 2007), risultato del progetto finanziato dalla Commissione europea «More Than One Day Daddy». Tra il 2006 e il 2008 ha collaborato con il Dipartimento per le Pari opportunità, Presidenza del Consiglio dei Ministri. Dal 2011 è componente del «National Focal Point» FRANET dell’Agenzia dei diritti fondamentali dell’Unione europea con sede a Vienna.
 

Leggi anche

copertina Rapporto annuale sull'economia dell'immigrazione. Edizione 2019
copertina Perché ridiamo
copertina Quando l'importante è vincere
copertina Dodici